Una pillola contraccettiva per l’uomo ha superato con successo i primi test clinici

Test preliminari di una pillola contraccettiva maschile confermano che il trattamento non ha comportato rischi per la salute.

0
pillola-contraccetiva

Un team di ricercatori degli Stati Uniti ha annunciato questa settimana di avere testato il dodecylcarbonate 11β-metil-19-nortestosterone-17β, o 11-beta-MNTDC, che si ritiene abbia effetti contraccettivi sugli uomini e che può essere somministrato per via orale.

È un derivato del testosterone ma ha entrambe le proprietà simili ai progestinici: blocca la produzione di sperma, diminundo la sintesi del testosterone dai testicoli e ha le proprietà androgeniche per mantenere le caratteristiche mensili (voce, massa muscolare e capelli…).

I nostri risultati suggeriscono che questa pillola, che combina due attività ormonali in una, ridurrà la produzione di sperma preservando la libido“, ha affermato Christina Wang del Los Angeles Biomedical Research Institute.

I primi test sono stati condotti su 40 volontari sani. Per 28 giorni, 30 hanno assunto dosi giornaliere diverse di 11-beta-MNTDC e gli altri 10 un placebo. Dopo le osservazioni, i ricercatori hanno concluso che il farmaco è sicuro.

Entrambe le proprietà dell’11-beta-MNTDC potrebbero inibire ipoteticamente la produzione di sperma senza il rischio di causare effetti collaterali sulle caratteristiche sessuali maschili.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che questi erano soltanto test preliminari e che il suo obiettivo principale era controllare la sicurezza non l’efficacia. Ma nessuno dei partecipanti ha mostrato effetti collaterali significativi. Coloro che hanno assunto la dose del composto hanno mostrato livelli particolarmente bassi di LH e FSH, due ormoni necessari per la produzione di sperma. Questi primi risultati sono promettenti per i test futuri.

Una minoranza di partecipanti ha riferito di sperimentare maggiore affaticamento, acne e mal di testa. Altri hanno trovato a livello sessuale un piccolo cambiamento nella libido e la disfunzione erettile in due casi. Ma tutti questi effetti collaterali erano lievi, consentendo ai ricercatori di considerare l’assunzione di questo potenziale contraccettivo come sicuro.

L’11-beta-MNTDC non sarà ovviamente disponibile per vari anni di test. Potrebbe essere un concorrente del dimethandrolone undecanoato in futuro, un altro promettente contraccettivo per l’uomo, anch’esso sotto sperimentazione clinica.

Questo studio è stato molto breve e abbiamo bisogno di tre o più mesi per fermare la produzione di sperma“, ha spiegato la ricercatrice.