Ulcera gastroduodenale, cos’è, sintomi, cause e trattamento

L'ulcera gastroduodenale è una ferita profonda che si forma nel rivestimento interno del tubo digerente.

L’ulcera gastroduodenale è una ferita profonda che si forma nel rivestimento interno del tubo digerente.

Per facilitare la digestione del cibo, le cellule dello stomaco producono un succo molto acido. E affinché questa sostanza non attacchi le mucose digestive, altre cellule sono responsabili della produzione del muco protettivo. Nel caso di un’ulcera, questo processo si interrompe con un impatto sulle pareti dello stomaco.

Il tubo digerente può, quindi, essere infiammato in due punti diversi:

  • Quando l’infiammazione si trova nello stomaco, è un’ulcera gastrica;
  • Quando si trova nel duodeno, la prima parte dell’intestino tenue, è un’ulcera duodenale. Quest’ultima è 10 volte più comune dell’ulcera gastrica.

Si tratta di una malattia che può diventare cronica e portare a gravi complicazioni, come perforazione e sanguinamento gastrointestinale. In generale, si stima che il 10% della popolazione dei Paesi industrializzati soffra di ulcera ed è più comune tra i 50 e i 70 anni.

Sntomi dell’ulcera gastroduodenale

L’ulcera compare gradualmente, nell’arco di alcune settimane. Sebbene a volte sia asintomatica, è caratterizzata principalmente da:

  • dolore nella parte superiore dell’addome, che si avverte come crampi, bruciore o una sensazione di fame molto pronunciata;
  • nel caso di un’ulcera gastrica, il dolore si accentua quando si mangia o si beve;
  • viceversa, nel caso di ulcera duodenale, il dolore si attenua all’ora dei pasti, per aumentare nuovamente da una a tre ore dopo, a stomaco vuoto;
  • Sensazione di essere rapidamente sazi;
  • Difficoltà a digerire, gonfiore ed eruttazione.

Il dolore va e viene e può durare alcune settimane. Nausea, vomito, sangue nelle feci, affaticamento o perdita di peso sono segni clinici di peggioramento.

Cause e fattori dell’ulcera

La comparsa di un’ulcera è sempre legata ad uno squilibrio a livello gastrico. Ma diversi fattori possono aumentare il rischio:

  • Un’infezione con il batterio Helicobacter pylori (H. Pylori). Si ritiene che questo microrganismo sia la causa del 60-80% delle ulcere gastriche e dell’80-85% delle ulcere duodenali. Grazie alla sua resistenza all’acidità del tubo digerente, invade lo strato di muco che protegge lo stomaco e l’intestino tenue e ne disturba l’equilibrio;
  • Assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS (ibuprofene, paracetamolo, aspirina). È la seconda causa più comune di ulcere. L’associazione tra infezione da H. Pylori e l’assunzione di questi farmaci aumenta il rischio di sviluppare la malattia di quasi 60 volte;
  • Eccessiva produzione di acido da parte dello stomaco legata a fumo, alcol, stress o predisposizioni genetiche.

Diagnosi di ulcera peptica

Se si sospetta un’ulcera, il medico esegue un esame dell’addome per individuare il dolore. La diagnosi è confermata eseguendo un’endoscopia, una radiografia dell’addome o una gastroscopia. Se c’è una lesione, appare sotto forma di un cratere scavato nella parete gastrica o intestinale.

Se si trova nello stomaco, viene prelevato un campione di tessuto per escludere la leggera possibilità di cancro allo stomaco. Al contrario, una lesione duodenale è quasi sempre benigna.

Come trattare un’ulcera peptica?

È raro che questa patologia guarisca spontaneamente e permanentemente da sola. Se non trattata, ci sono buone probabilità che l’ulcera riappaia entro un anno. Il suo trattamento è principalmente medico ma può anche essere chirurgico. Inoltre, deve essere accompagnato da un cambiamento nelle abitudini di vita che causano l’irritazione (smettere di fumare, alcol, ecc.).

Ulcera peptica: quali cibi mangiare?

Optare per una dieta specifica quando si soffre di un’ulcera può ridurre il dolore ad essa associato, il rischio di recidiva e può ripristinare il comfort digestivo.

Per questo si consiglia:

  • Evitare cibi (piatti piccanti, agrumi, affettati) e bevande (caffè, alcolici, bibite) che possono irritare lo stomaco. Tutto dipende dalla sensibilità individuale;
  • Aumentare il consumo di fibre protettive solubili (avena, legumi, semi di lino, arance, mele, carote);
  • Consumare cibi ricchi di vitamina A (fegato, carote, patate dolci, crucifere, broccoli, fragole);
  • Suddividere la dieta in diversi piccoli pasti.

LEGGI ANCHE: Quali sono le cause più comuni di dolori articolari?