I 9 sintomi dell’infezione da Helicobacter

L’Helicobacter è un batterio che può causare un’infezione allo stomaco. In questo articolo vi diremo quali sono i 9 sintomi che provoca.

L’Helicobacter è un tipo di batterio che può provocare un’infezione allo stomaco. In questo articolo vi diremo quali sono i 9 sintomi che si manifestano in caso di trasmissione all’uomo.

Helicobacter: definizione e contagio

L’Helicobacter pylori è il nome completo di una tipologia di batteri che può provocare un’infezione della mucosa gastrica dello stomaco, ovvero il rivestimento più interno dell’organo.

In condizioni di equilibrio dell’organismo, questo batterio può non produrre alcun sintomo, specialmente nel caso in cui il sistema immunitario del soggetto risulta forte e non compromesso. Al contrario, quando le difese immunitarie sono basse, l’Helicobacter causa lesioni alle pareti gastriche dello stomaco, la cui conseguenza è l’infiammazione dell’organo.

Il contagio da Helicobacter avviene attraverso la trasmissione da persona a persona. Esso può essere trasmesso sia con contatto diretto per via orale sia per via oro-fecale. È possibile introdurlo nel proprio organismo anche attraverso il consumo di cibi o bevande contaminati.

L’infezione dovuta a questo batterio è più comune nei Paesi in via di sviluppo, a causa delle scarse condizioni igieniche e il consumo di acqua non potabile. È molto frequente anche tra i soggetti che vivono in case di cura o in altre strutture assistenziali.

Ma quali sono i sintomi dell’infezione da Helicobacter?

I 9 sintomi

L’infezione da Helicobacter è legata ad alcune complicanze, come l’ulcera peptica e la gastrite cronica. Di conseguenza i sintomi che la presenza del batterio produce sono gli stessi che si associano a tali condizioni patologiche.

Tra questi, troviamo:

1. Disturbi digestivi
2. Bruciore allo stomaco
3. Dolore all’addome
4. Nausea
5. Vomito
6. Difficoltà nella digestione
7. Gonfiore e senso di pesantezza
8. Perdita di appetito
9. Reflusso gastroesofageo

Per effettuare la diagnosi occorre sottoporsi ad un’analisi del respiro, ad un esame delle feci o, ancora, ad un’endoscopia superiore (che permette di prelevare un campione della mucosa gastrica).

Se volete rimanere aggiornati, seguiteci su Facebook cliccando qui!

LEGGI ANCHE: 10 segni che possono indicare problemi agli ormoni.