Troppi gas intestinali, 12 alimenti che provocano le scorregge

Se avete problemi legati all’eccesso di gas intestinali, la lista di alimenti che troverete di seguito potrà aiutarvi ad attenuare questo sintomo!

Se avete problemi legati all’eccesso di gas intestinali, la lista di alimenti che troverete di seguito potrà aiutarvi ad attenuare questo sintomo!

Quali cibi evitare se si soffre di gas intestinali?

Sono molte le ragioni che possono spiegare la presenza di gonfiore e l’accumulo di gas intestinali. L’alimentazione è uno dei fattori che incide fortemente sulla salute del nostro intestino. Per questo motivo, oggi vi indicheremo 12 alimenti da evitare per risolvere questi problemi.

1. Bibite e acqua frizzante. L’aria in queste bevande si accumula nel tuo intestino e viene rilasciata tramite le scorrege. Inoltre, le bibite a volte contengono zuccheri artificiali che promuovono notevolmente la formazione di gas.

2. Frutta in grandi quantità. Secondo la International Bowel Disorders Foundation alcuni frutti consumati in quantità eccessive come mele, banane, pesche, albicocche, ananas, uva, prugne e pere, possono diventare una fonte di gas intestinali. Ciò avviene perché la frutta contiene zuccheri che sono più o meno facili da assimilare. Gli zuccheri non assimilati che raggiungono l’intestino crasso alimentano i batteri e quindi provocano l’accumulo di gas.

3. Gomma da masticare. Alcuni zuccheri presenti nelle gomme da masticare (come il sorbitolo, l’eritritolo e lo xilitolo) non vengono completamente assorbiti e possono nutrire i batteri contribuendo a creare flatulenza. Queste sostanze dovrebbero ridurre la quantità di calorie delle chewing-gum, ma contribuiscono alla fermentazione generale del cibo nell’intestino che può provocare anche episodi diarroici.

differenza allergia intolleranza

4. Latte e latticini. Secondo uno studio negli Stati Uniti, il 65% delle persone è intollerante al lattosio, una sostanza presente nei latticini. In presenza di un’intolleranza, il lattosio promuove la formazione di gas intestinali.

5. Fagioli. Probabilmente ti aspettavi di vederli in cima alla lista: tutti sanno già che i fagioli fanno scoreggiare molto. Oltre alle fibre, i fagioli contengono anche stachiosio e raffinosio, degli zuccheri difficili da digerire, che provocano la formazione di gas da espellere come idrogeno, metano e zolfo. Il trucco per ridurre questo problema sarebbe sciacquare e scolare i fagioli prima di mangiarli.

6. Verdure crocifere. Broccoli, cavolini di Bruxelles, cavoli rossi o verdi fanno molto bene alla salute per molte ragioni, ma questi alimenti, provocano anche un’estrema flatulenza. La presenza di raffinosio aumenta il rischio di gas nelle persone con intestino fragile e, inoltre, queste verdure contengono zolfo che rende puzzolenti le tue scoregge. Tuttavia, per ovviare a questo problema, occorre semplicemente cucinarle a vapore prima di mangiarle.

7. Avena e pane integrale. Fonti di fibre, i cereali sono naturalmente produttori di gas, eppure sono alimenti ottimi per la digestione, la regolazione del peso e il cuore. Il modo migliore per non privarti di questi cibi è mangiare più lentamente e bere molta acqua.

8. Proteine in quantità eccessiva. Secondo la dietista Kate Scarlata, dovremmo consumare al massimo 1 grammo di proteine per chilogrammo del nostro peso. Infatti, consumare troppe proteine provoca un eccesso non assimilato dall’organismo, che andrà direttamente, allo stesso modo degli zuccheri, ad alimentare i batteri alloggiati nel tuo intestino. Se sei abituato a consumare barrette proteiche, i rischi sono ancora maggiori perché il più delle volte contengono sia zuccheri che lattosio.

9. Salumi. La carne e i prodotti grassi, tipicamente salumi, sono pesanti da digerire e favoriscono la comparsa di gas. Per evitare questi inconvenienti, si consiglia di favorire il consumo di carne alla griglia o bollita.

10. Fritture. I prodotti grassi favoriscono la produzione di gas nell’intestino, in generale. Si raccomanda quindi di limitare il consumo di fritti per evitare questi inconvenienti. Quando li mangiate, scolateli e asciugateli su un canovaccio prima di servirli per rimuovere quanto più grasso possibile ed evitare gonfiori e formazione di gas.

11. Verdure crude. Sebbene sia necessario mangiare verdure ogni giorno, le verdure crude possono rallentare la digestione quando consumate in grandi quantità. Contengono molte fibre, che l’organismo fa più fatica ad assimilare rispetto a quando le verdure sono cotte.

12. Cipolla. Ampiamente utilizzata in cucina, contiene enzimi e vari composti solforati che, durante la digestione, si trasformano in gas. Questo è il motivo per cui spesso si verifica una sensazione di gonfiore quando viene consumata. Per evitare questo fenomeno, si consiglia di preparare la cipolla con erbe aromatiche come lo zenzero o la curcuma.

LEGGI ANCHE: Perché la rucola non dovrebbe mai mancare a tavola?