Crampi mestruali, hai mai provato lo zenzero?

  • Lo zenzero può essere – in alcuni casi – la soluzione ai crampi mestruali.
  • In questo articolo vengono riportate diverse ricerche che ne suggeriscono l’efficacia anche in caso di dismenorrea e delle strategie di auto-cura.
  • Attenzione agli effetti collaterali e ai disturbi – seppur lievi – che potrebbe provocare lo zenzero.

Un’erba apprezzata per le sue proprietà riscaldanti e antidolorifiche, si dice spesso che lo zenzero allevi i crampi mestruali e il dolore mestruale, è così? Scopriamolo.

L’uso dello zenzero per i dolori mestruali

Lo zenzero potrebbe essere la soluzione ai dolori mestruali e non solo! Lo zenzero è stato anche trovato per sedare la nausea post-operatoria, alleviare il dolore dell’osteoartrosi e aiutare nella prevenzione della nausea mattutina.

Perché lo zenzero è utilizzato per i crampi mestruali?

La ricerca suggerisce che i composti presenti nello zenzero possono aiutare a proteggere dall’aumento dell’infiammazione, inibendo la produzione del corpo di prostaglandine (una classe di sostanze chimiche pro-infiammatorie coinvolte nell’innesco delle contrazioni muscolari che aiutano l’utero a liberarsi del rivestimento). Poiché l’insorgenza dei crampi mestruali sembra essere collegata a un’eccessiva produzione di prostaglandine, si ritiene che il consumo di zenzero in integratori alimentari o sotto forma di tè possa aiutare a ridurre il dolore mestruale.

Le ricerche sullo zenzero per i crampi mestruali

Studi pubblicati negli ultimi anni suggeriscono che lo zenzero può essere utile per alleviare la dismenorrea (il termine medico per il dolore prima o durante le mestruazioni).

Per un rapporto pubblicato su Pain Medicine nel 2015, ad esempio, gli scienziati hanno esaminato studi precedentemente pubblicati che testano gli effetti sullo zenzero nelle donne con dismenorrea non causata da condizioni pelviche come l’endometriosi. Nella loro analisi, gli autori del rapporto hanno scoperto che era più efficace di un placebo nell’alleviare il dolore.

Un altro rapporto, pubblicato nel 2016, ha esaminato studi pubblicati in precedenza sull’uso dello zenzero per la dismenorrea. Lo zenzero è risultato essere più efficace di un placebo nel ridurre la gravità del dolore. Dei due studi che hanno confrontato lo zenzero con un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS), lo zenzero è risultato altrettanto efficace nel ridurre il dolore.

Inoltre, ci sono alcune prove che lo zenzero può aiutare a controllare il sanguinamento mestruale pesante. In uno studio clinico pubblicato su Phytotherapy Research nel 2015, ad esempio, 92 donne con forti emorragie mestruali sono state trattate con zenzero o placebo per tre periodi mestruali. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di perdita di sangue mestruale sono diminuiti drasticamente tra i partecipanti allo studio che hanno ricevuto lo zenzero.

Effetti collaterali

Lo zenzero può causare una serie di lievi effetti collaterali, tra cui diarrea e bruciore di stomaco.

Lo zenzero può agire come un anticoagulante. Se hai una malattia emorragica o stai assumendo farmaci o integratori che influiscono sul sangue, dovresti parlare con il tuo medico prima di prendere lo zenzero. Non dovrebbe essere usato entro due settimane da un intervento chirurgico programmato.

Zenzero e strategie di auto-cura

Mentre è comune sentire un po’di fastidio all’addome, alla schiena e alla zona delle cosce durante le mestruazioni, se hai dolore regolarmente, è una buona idea parlare con il tuo medico. In alcuni casi, il dolore mestruale può segnalare una condizione come i fibromi uterini e l’endometriosi.

Per il dolore mestruale che non è causato da una condizione sottostante, ci sono prove che lo zenzero può aiutare ad alleviare i sintomi.

Strategie di auto-cura come massaggiare o applicare una piastra elettrica sul basso addome, limitare l’assunzione di sale, zucchero, alcol e caffeina, praticare tecniche di gestione dello stress e fare esercizio regolarmente possono aiutare a proteggere dal dolore mestruale.

Inoltre, l’assunzione di integratori alimentari contenenti vitamina B6, calcio e/o magnesio può aiutare a combattere i problemi mestruali. Alcune ricerche suggeriscono che aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3 o l’uso di erbe come il dong quai e la foglia di lampone rosso può anche aiutare a lenire in una certa misura il dolore mestruale.

Per l’ulteriore sollievo del dolore mestruale, alcune persone trovano sollievo usando l’aromaterapia. Ci sono alcune prove che il massaggio con una miscela di oli essenziali come lavanda, salvia e maggiorana può aiutare ad alleviare i crampi mestruali.

Share