Tenia, cos’è, sintomi, cura e trattamento

L’ingestione di alcune tipologie di alimenti può associarsi ad un’infezione provocata da un verme nastriforme: tenia.

L’ingestione di alcune tipologie di alimenti può associarsi ad un’infezione provocata da vermi nastriformi: ci riferiamo, in particolare, alla cosiddetta “tenia”. Scopriamola in questo articolo!

Cos’è la tenia?

La tenia (comunemente chiamata verme solitario) è un verme nastriforme che, se ingerito, può provocare nell’essere umano un’infezione intestinale. Essa può essere ritrovata in forma larvale nella carne bovina e suina, nel pesce d’acqua dolce, a anche all’interno di altri alimenti e nell’acqua.

Di noma, la teniasi (o infezione da tenia) si manifesta a seguito del consumo di cibi crudi o poco cotti precedentemente contaminati. Una volta raggiunto l’intestino, le larve di tenia assumono la loro forma adulta, che può crescere fino a qualche metro di lunghezza. Ma cosa comporta questa infezione?

I sintomi

Solitamente, la sintomatologia caratteristica dell’infezione da verme solitario insorge intorno all’ottava settimana successiva all’ingestione di alimenti contaminati. I sintomi sperimentati comprendono:

  • Dolori addominali.
  • Disturbi della digestione.
  • Costipazione o diarrea.
  • Eruzioni cutanee.
  • Nausea.
  • Meteorismo.
  • Fastidio perianale durante l’evacuazione (dovuto alla presenza nelle di proglottidi, ovvero quei segmenti che compongono il corpo della tenia).

La tenia è capace di sopravvivere fino a 4 anni all’interno dell’organismo umano, nutrendosi degli alimenti consumati dall’ospite che, di contro, tende a mangiare di più e a dimagrire nello stesso tempo.

Cura e trattamento

I sintomi della teniasi perdurano per tutta la durata della permanenza del parassita, fino alla morte naturale o indotta tramite il trattamento farmacologico. La cura prevede generalmente l’assunzione di niclosamide o in alternativa di praziquantel o di albendazolo.

È importante ottenere un parere medico ed effettuare una diagnosi completa, poiché in alcuni casi la tenia può causare una cisticercosi cerebrale, una condizione di severa entità.

Se vuoi restare aggiornato, seguici su Facebook cliccando qui!