Covid-19, oltre alla mascherina bisogna indossare anche gli occhiali?

Covid-19. Oltre alla mascherina è raccomandabile usare anche gli occhiali? Cosa dice la scienza.

Quando un team di ricercatori cinesi ha cominciato ad analizzare i dati dei pazienti ricoverati in ospedale per il coronavirus, ha fatto una strana scoperta: pochissimi pazienti portavano gli occhiali.

Secondo lo studio pubblicato su JAMA Ophthalmology, su 276 pazienti, appena 16 persone (5,8%) presentavano disturbi visivi che richiedevano l’uso di occhiali per più di otto ore al giorno.

Una percentuale molto inferiore alla media delle persone che portano gli occhiali nella popolazione (31,5% nella provincia di Hubei). Una rapida conclusione tratta da questo studio è che gli occhiali offrono una protezione dal coronavirus, soprattutto perché un altro studio pubblicato a maggio su The Lancet lo conferma. La protezione degli occhi (visiera o occhiali), infatti, è associata a una minore probabilità di infezione (6% contro il 16% senza protezione).

In teoria, il Sars-CoV-2 può entrare nel corpo attraverso tutte le mucose del viso (bocca, naso, occhi). Possiamo anche notare che gli operatori sanitari spesso indossano occhiali protettivi o visiere.

Il bianco degli occhi, via d’accesso al coronavirus

Tuttavia, la principale via di ingresso del coronavirus resta il naso, a causa dell’elevato numero di recettori all’interno delle mucose nasali che creano un ambiente favorevole all’impianto e alla replicazione del virus, nonché rappresentano una via diretta ai polmoni.

Tuttavia, alcuni pazienti hanno alcuni sintomi oculari associati al Covid-19, come la congiuntivite o gli occhi rossi, il che significa che il virus può raggiungere gli occhi. La congiuntivite è, quindi, associata alla malattia nel 10-15% dei casi. Però, non è certo che l’occhio in questo caso sia la porta.

Non stropicciarsi gli occhi

È, quindi, necessario imporre l’uso generale degli occhiali oltre della mascherina? Attenzione alle conclusioni affrettate. Primo, una correlazione non è una relazione di causa ed effetto. È possibile che entrino in gioco altri fattori; le persone che portano gli occhiali, ad esempio, tendono ad essere più anziane e quindi a prendere più precauzioni in generale. Possono anche essere meno inclini a strofinarsi gli occhi con le mani contaminate, riducendo le possibilità di contrarre l’infezione.

Uno studio del 2015 mostra che tocchiamo il nostro viso in media 23 volte all’ora, incluso il 27% dei partecipanti che si tocca gli occhi (lo studio non distingue i portatori di occhiali dalle altre persone). «Sbaglieremmo se concludessimo che indossare occhiali riduce la probabilità di una persona di contrarrei il Covid-19 o se raccomandassimo di indossare le protezioni per gli occhi in pubblico», ha scritto in un commento che accompagna lo studio Lisa Maragaki, specialista malattie infettive presso la Johns Hopkins School of Medicine.

Imporre l’uso degli occhiali?

Eppure questa è la raccomandazione di Anthony Fauci, consigliere della Casa Bianca sulla crisi del coronavirus negli Stati Uniti. «Non è ancora unanimemente consigliato, ma se vuoi avere una protezione perfetta, allora devi indossare gli occhiali o una visiera», ha spiegato ad agosto durante una sessione di domande e risposte su ABC News.

Per essere sicuri che gli occhi siano davvero una porta d’accesso al coronavirus, sarebbe necessario poter analizzare il liquido oculare dei pazienti contaminati. Tuttavia, la maggior parte delle persone ha poco liquido oculare, il che rende questo tipo di raccolta difficile e scomodo. Tuttavia, non è essenziale avere prove scientifiche innegabili per imporre una misura sanitaria: indossare una mascherina è obbligatorio all’aperto in molte grandi città anche se nessuno studio scientifico attesta la contaminazione all’aperto.