Covid-19, il ministro Speranza: “Seconda ondata? Non è certa ma possibile”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, a 24 Mattino, su Radio 24, ha affermato che la seconda ondata non è certa ma possibile.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, a 24 Mattino, su Radio 24, ha affermato: «Questi mesi difficili, in cui i cittadini hanno imparato a combattere il coronavirus, ci hanno insegnato tante cose. E tra queste, quella di essere molto determinati. Possiamo provare a contenere la seconda ondata se sapremo essere veloci e determinati nell’isolare i casi, individuare i focolai e contenerli immediatamente».

«È evidente – ha continuato – che non possiamo avere certezze su settembre ottobre. In alcuni Paesi la seconda ondata è avvenuta, è avvenuta in epidemie precedenti. Non è certa, ma dobbiamo considerarla come possibile. E quindi dobbiamo tenerci pronti», ha aggiunto.

L’Italia oggi «è più forte di quanto lo fosse i primi di febbraio. In primo luogo perché conosce meglio l’avversario con cui si confronta. Non dimentichiamo che nel mondo questo virus si è palesato alla fine del 2019 in Cina. In Europa per la prima volta l’abbiamo incrociato a febbraio. Abbiamo acquisito conoscenze sul campo. Determinazione e velocità di intervento sono fattori essenziali».

Infine, il Parlamento ha dato il via libera all’istituzione della Giornata Nazionale in ricordo delle vittime del Coronavirus, indetta per il 18 marzo.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Burioni: “Virus circola ed è pronto a ripartire”