Quali effetti ha il Covid-19 sulla fertilità maschile? Cosa sappiamo

Un nuovo studio dell'Università della Georgia (USA) ha esplorato i potenziali effetti del coronavirus sulla fertilità maschile. I risultati.

fertilità maschile
Covid-19 e fertilità maschile: quali effetti?

Un nuovo studio dell’Università della Georgia (USA) ha esplorato i potenziali effetti del coronavirus sulla fertilità maschile.

I ricercatori hanno suggerito sperimentazioni cliniche ulteriori per comprendere l’impatto del Covid-19 sugli organi principali del corpo. E questo comprende i testicoli, i responsabili della produzione dello sperma.

I testicoli sono anche coinvolti nella produzione del testosterone, l’ormone importante durante lo sviluppo e la maturazione maschile per lo sviluppo dei muscoli, il tono profondo della voce e la crescita dei peli del corpo.

Clayton Edenfield, studente del dottorato in scienze della salute ambientale presso il College of Public Health dell’UGA, ha lavorato sotto la direzione del professore associato Charles Easley in un articolo pubblicato su Nature Reviews Urology che esamina i modi in cui il SARS-CoV-2 potrebbe colpire e infettare le cellule testicolari.

“Ci sono stati rapporti di autopsie che mostrano una sorta di ingresso virale nel testicolo, nonché gli effetti negativi del virus in esso – ha detto Edenfield – Cioé infiammazione e orchite, dolore ai testicoli, rottura della barriera emato-testicolare”. L’RNA virale è stato rilevato anche nel seme.

Le domande degli studiosi sugli effetti del COVID-19 sulla fertilità derivano dall’idea che l’infezione virale di uno qualsiasi dei principali tipi di cellule testicolari possa influenzare negativamente la produzione e la qualità dello sperma.

Attualmente, la comprensione della relazione tra la cinetica del carico di RNA virale e la gravità della malattia nei pazienti con il COVID-19 resta frammentata, secondo uno studio pubblicato il 27 marzo 2020 su The Lancet che ha utilizzato i primi cinque casi di infezione in Europa.

Insieme, Edenfield ed Easley hanno esaminato gli studi pubblicati su particolari proteine che funzionano come una porta per far entrare il SARS-CoV-2 nelle cellule come quelle dei polmoni.

“Queste proteine sono presenti in quantità variabili in qualsiasi sistema di organi con cui il SARS-CoV-2 sembra interagire”, ha detto Edenfield.

Per determinare in che modo il COVID-19 potrebbe interagire con i tessuti e la funzione dei testicoli, Edenfield ha affermato di avere utilizzato i dati disponibili da tutto il mondo raccolti da test su cellule in laboratorio, sperimentazioni su animali, dati clinici provenienti da ospedali e referti autoptici.

Quindi, sebbene nessuna prova specifica indichi un danno alla fertilità maschile dalla contrazione del COVID, Edenfield ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche.

“Siamo sostanzialmente giunti alla conclusione che nei casi gravi di infezione da SARS-CoV-2, il testicolo è in svantaggio ed è rischio di essere colpito da una grave infezione da COVID”, ha affermato Edenfield.

La ricerca futura è necessaria per comprendere appieno tutti gli effetti che una grave infezione da COVID potrebbe avere sui danni a lungo termine alla fertilità e alle generazioni future. “Abbiamo appena dimostrato che ci sono molte più domande”, ha detto Edenfield.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Pregliasco: “Il virus si sta adattando all’ospite”