Prolasso dell’utero: sintomi, cause e trattamento

Il prolasso dell'utero avviene quando l'utero si stacca dalla sua sede e penetra all'interno della vagina. Ecco cosa è meglio sapere.

prolasso utero

Non molte donne prestano la dovuta attenzione all’allenamento dei muscoli del pavimento pelvico che hanno una funzione importante: mantenere l’utero e gli altri organi pelvici nella posizione corretta, evitando il prolasso.

Infatti, circa un terzo delle donne è colpito dal prolasso dell’utero.

Il prolasso uterino si verifica quando l’utero si stacca dalla sua sede e penetra all’interno della vagina a causa dell’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico e dei legamenti dell’utero. Di norma, il prolasso uterino si può verificare dopo il parto o durante menopausa.

Nello stato normale, i muscoli del pavimento pelvico formano una specie di amaca che tiene in posizione gli organi pelvici (la vescica, l’utero, la vagina, l’intestino tenue e il retto).

A volte, però, questi muscoli e tessuti circostanti si indeboliscono. Alcune donne soffrono di prolasso uterino dopo il parto. E con l’età, il prolasso di questo organo diventa più comune.

Dopo aver notato questa condizione, molte donne sono troppo imbarazzate per consultare un medico ma il prolasso degli organi pelvici può essere curato.

SINTOMI DEL PROLASSO UTERINO

Il disagio anatomico non è l’unica lamentela che può accompagnare il prolasso uterino. Nel corso del tempo, i problemi possono peggiorare.

Alcune donne non notano nulla mentre altre riportano i sintomi seguenti:

  • dolore fastidioso nella regione pelvica (stomaco, osso sacro, parte bassa della schiena);
  • sensazione di corpo estraneo nella vagina;
  • dispareunia (rapporto doloroso);
  • disturbi urologici come incontinenza urinaria, minzione frequente o cistite;
  • costipazione, incontinenza fecale;
  • perdite vaginali bianche o sanguinanti;
  • cambiamenti nella funzione mestruale;
  • l’infertilità non è rara (anche se la gravidanza non è esclusa).

Con lo sviluppo del prolasso dell’utero, il sintomo guida è una protrusione auto-rilevabile dalla fessura vulvare.

CAUSE E FATTORI DI RISCHIO

Il prolasso dell’utero si verifica quando i muscoli e / o i tessuti connettivi del bacino non funzionano correttamente.

I fattori di rischio più comuni sono:

  • trauma della nascita (ad esempio, quando si applica una pinza ostetrica);
  • il prolasso uterino si può verificare anche durante il parto con taglio cesareo e anche se non si hanno bambini;
  • dare alla luce un bambino che pesa molto;
  • interventi chirurgici sui genitali;
  • sforzo prolungato dei muscoli addominali (dovuto a obesità, sollevamento pesi, tosse cronica o forte sforzo durante i movimenti intestinali);
  • difetti alla nascita della regione pelvica;
  • predisposizione genetica;
  • mancanza di estrogeni, in via di sviluppo durante la menopausa;
  • invecchiamento (i disturbi del pavimento pelvico sono più comuni nelle donne anziane).

TRATTAMENTO

Il prolasso uterino può essere diagnosticato da un ginecologo in base alle manifestazioni cliniche. Il trattamento dipenderà in gran parte dai sintomi, dall’età e dalla presenza (o assenza) di altri problemi di salute.

Bisogna contattare uno specialista in presenza dei primi segni di prolasso degli organi pelvici.

PREVENZIONE

Ecco come ridurre il rischio del prolasso uterino:

  • Mantenere il peso in una gamma salutare. Le donne obese sono più inclini al prolasso uterino;
  • Includere cibi con fibre nell’alimentazione. La fibra alimentare aiuta a prevenire la stitichezza e la tensione durante i movimenti intestinali;
  • Cercare di non sollevare pesi superiori a 9 chilogrammi;
  • Non fumare. Tra gli altri effetti negativi, il fumo può portare a una tosse cronica, che aumenta la pressione sui muscoli del pavimento pelvico.

Una donna dovrebbe prestare particolare attenzione alla prevenzione del prolasso dell’utero nel periodo pre-menopausale. Un modo particolarmente efficace è la terapia ormonale sostitutiva che rafforza i legamenti degli organi pelvici.