Rimedi per smettere di fumare: le migliori soluzioni naturali e non solo

Smettere di fumare è possibile? Con il giusto impegno sì! Scopriamo i rimedi più utili al proposito.

rimedi per smettere di fumare

Smettere di fumare è il desiderio di tantissime persone. Come riuscirci? Nelle prossime righe, vedremo assieme alcuni dei rimedi più semplici (e scientificamente efficaci).

Come smettere di fumare

Smettere di fumare è una scelta a dir poco consigliabile. Per rendersene conto basta considerare i numeri dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che ha inquadrato il fumo come la principale causa di morte evitabile a livello mondiale. Quando si discute del problema, è cruciale citare anche l’influenza del fumo passivo.

Dire addio alle bionde è quindi un’ottima idea in generale. Come ottenere risultati? La principale alleata a cui fare riferimento è la forza di volontà. Fare appello a questo aspetto è anche molto difficile, dal momento che il fumo è una vera e propria dipendenza. Per gestire nel migliore dei modi l’approccio è essenziale venire a patti con eventuali ricadute e rendersi conto che si tratta di un percorso non certo immediato.

Anche il pensiero positivo conta molto: il primo passo da fare vede in primo piano il fatto di non considerare l’eliminazione della sigaretta come una privazione, ma anzi come qualcosa di positivo per il proprio futuro e per quello dei propri cari.

Se si ha intenzione di fare appello unicamente alla propria forza di volontà, può rivelarsi utile eliminare da casa le principali tentazioni (p.e. gli accendini e tutti gli altri oggetti in grado di richiamare alla mente la voglia di fumare). Molto utile può rivelarsi anche il fatto di gratificarsi facendosi un regalo con i soldi risparmiati dopo qualche giorno/settimana senza toccare le sigarette.

LEGGI ANCHE: Piedi gonfi e stanchi? Cause e rimedi.

Altre soluzioni

Un’altra valida alternativa per smettere di fumare prevede il fatto di rivolgersi a un centro anti fumo. Sul territorio italiano ci sono circa 400 realtà utili al proposito. In accordo con il proprio medico curante, si può valutare anche il ricorso a trattamenti sostitutivi in grado di rilasciare nell’organismo bassissime dosi di nicotina (parliamo soprattutto dei cerotti).

In alcuni casi – sempre sotto controllo medico – può rivelarsi congeniale anche il ricorso ai farmaci. Tra i presidi più prescritti troviamo senza dubbio gli antidepressivi, la cui somministrazione può rappresentare un utile ausilio per superare le fasi più difficili dell’eliminazione della nicotina.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, due casi sospetti su nave da crociera.