Perché l’occhio trema? Quando bisogna vedere un medico? Ecco le risposte

Spasmi degli occhi, tic e tremolii delle palpebre sono piuttosto comuni. Ecco da cosa sono causati.

0
occhio che trema

Capita a molti che le palpebre decidano di muoversi ogni pochi secondi, anche per un minuto o due.

Si tratta di una condizione che i medici chiamano blefarospasmo ed è caratterizzata, per l’appunto, dalla chiusura persistente e involontaria delle palpebre.

Tra le cause, quelle più comuni sono la fatica, lo stress e la caffeina.

I tremolii sono indolori, innocui e, di solito, scompaiono da soli.

COSA SUCCEDE SE IL TREMOLIO NON SI FERMA?

Alcune persone hanno spasmi agli occhi per tutto il giorno e tale condizione potrebbe continuare per settimane o anche mesi, influenzando negativamente la qualità della vita.

A volte, il tremolio può essere anche un segno di condizioni più gravi, come:

  • Blefarite (palpebre infiammate);
  • Occhi secchi;
  • Sensibilità alla luce.

Molto raramente è un segno di un disturbo del cervello o del nervo, come:

  • La paralisi di Bell;
  • Distonia;
  • Morbo di Parkinson;
  • Sindrome di Tourette.

Questa condizione può essere anche un effetto collaterale di alcuni farmaci, come quelli che trattano l’epilessia.

Nel dettaglio, un tremolio della palpebra è spesso associato allo stile di vita caratterizzato da fatica, stress, mancanza di sonno, uso di alcool, tabacco e caffeina.

Può essere anche causa dell’irritazione della superficie dell’occhio (cornea) o delle membrane che allineano le palpebre.

Il blefarospasmo essenziale benigno si presenta di solito in età medio – tarda e peggiora gradualmente.

Le donne hanno due volte la probabilità di avere il blefarospasmo essenziale benigno rispetto agli uomini.

Non è una condizione grave, ma alcune volte può disturbare la vita quotidiana.

QUANDO SI DEVE VEDERE UN MEDICO?

È importanti farsi visitare se:

  • Il tremolio dura più di una settimana;
  • La palpebra si chiude completamente;
  • Gli spasmi coinvolgono altri muscoli del viso;
  • Arrossamento e gonfiore dell’occhio;
  • La palpebra superiore si abbassa.

Il medico, in casi come questi, potrebbe anche chiedere un consulto a un neurologo o a un altro specialista.

CURA

Nella maggior parte dei casi, si tratta di una situazione che sparisce da sola.

Bisogna assicurasi di riposare e di evitare alcool, tabacco e caffeina.

Se gli occhi sono secchi o irritati, si può provare con le lacrime artificiali.

Finora i medici non hanno trovato una cura per il blefarospasmo essenziale benigno ma ci sono molti trattamenti che possono renderlo più tollerabile.

Il trattamento più diffuso è la tossina botulinica (Botox, Dysport, Xeomin).

Commenti