Le uove fanno bene o male a chi ha il diabete?

Ecco cosa sostiene una ricerca svolta in Finlandia su 239 partecipanti.

0
uova

239 partecipanti di sesso maschile hanno partecipato allo studio Kuopio Ischaemia Heart Factor Risk Factor Study (KIHD), nella Finlandia orientale.

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università della Finlandia orientale che hanno analizzato i campioni di sangue.

Quattro gruppi di uomini

In media, gli uomini sono stati seguiti per 19,3 anni. Sono stati divisi in quattro gruppi in base al consumo di uova: quelli che hanno consumato in media un uovo al giorno, quelli che lo hanno fatto per due volte a settimana, quelli che hanno mangiato le uova e hanno sviluppato il diabete di tipo 2 e chi le ha mangiate senza conseguenze alla salute.

I risultati pubblicati sulla rivista Molecular Nutrition e Food Research hanno rivelato che il campione di sangue dei volontari che hanno mangiato un uovo al giorno comprendeva molecole di lipidi associate positivamente al gruppo di controllo degli uomini sani.

Programmate ulteriori ricerche

Stefania Noerman, ricercatrice e co-autrice dello studio, ha dichiarato: “L’obiettivo è stato quello di esplorare i potenziali componenti che possono spiegare questa associazione, utilizzando (…) una tecnica che permette una vasta profilatura di sostanze chimiche presenti nei campioni“.

Recentemente, l’elevato consumo di uova è stato ritenuto negativo perché era stato dimostrato che aumenta il colesterolo cattivo. D’altra parte, le uova sono una fonte di nutrienti benefici. Pertanto, il consiglio è il loro consumo moderato.

Commenti