Gonorrea, cos’è, sintomi, cause e trattamento

La gonorrea è un'infezione a trasmissione sessuale che può colpire sia uomini che donne. Cosa è meglio sapere.

La gonorrea è un’infezione a trasmissione sessuale che può colpire sia uomini che donne. Può essere asintomatica ma anche avere dei risvolti importanti per la salute propria e del feto qualora non sia implicata la capacità di fecondare.

La gonorrea: tutto quello che c’è da conoscere

La gonorrea è un’infezione a trasmissione sessuale (STI). È causata dal batterio Neisseria gonorrhoeae. Tende a colpire le aree calde e umide del corpo, tra cui:

  • uretra (il tubo che drena l’urina dalla vescica)
  • occhi
  • gola
  • vagina
  • ano
  • tratto riproduttivo femminile (le tube di Falloppio, la cervice e l’utero)

La gonorrea passa da persona a persona attraverso il sesso orale, anale o vaginale senza preservativo o altro metodo di barriera. Le migliori protezioni contro la trasmissione sono l’astinenza e l’uso appropriato del preservativo o del metodo barriera.

I sintomi

I sintomi di solito si verificano entro 2-14 giorni dopo l’esposizione. Tuttavia, alcune persone che acquisiscono la gonorrea non sviluppano mai sintomi evidenti.

È importante ricordare che una persona con gonorrea che non ha sintomi, chiamata anche portatore asintomatico, può ancora diffondere l’infezione. Una persona ha maggiori probabilità di trasmettere la gonorrea ad altri partner quando non hanno sintomi evidenti.

Sintomi negli uomini

Una persona con un pene potrebbe non sviluppare sintomi evidenti per diverse settimane. Alcuni uomini potrebbero non sviluppare mai sintomi.

In genere, i sintomi iniziano a manifestarsi una settimana dopo la trasmissione. Il primo sintomo evidente negli uomini è spesso una sensazione di bruciore o dolore durante la minzione.

Man mano che progredisce, altri sintomi possono includere:

  • maggiore frequenza o urgenza della minzione
  • una secrezione simile a pus (o gocciolamento) dal pene (bianco, giallo, beige o verdastro)
  • gonfiore o arrossamento all’apertura del pene
  • gonfiore o dolore ai testicoli
  • un persistente mal di gola
  • In rari casi, la gonorrea può continuare a causare danni al corpo, in particolare all’uretra e ai testicoli. La condizione rimarrà nel corpo per alcune settimane dopo che i sintomi sono stati trattati.

Il dolore può anche diffondersi al retto.

Sintomi nelle donne

Molte donne non sviluppano sintomi evidenti di gonorrea. Quando sviluppano sintomi, tendono ad essere lievi o simili ad altre diagnosi, rendendoli più difficili da identificare.

I sintomi della gonorrea possono apparire molto simili a lieviti vaginali comuni o infezioni batteriche.

I sintomi includono:

  • perdite dalla vagina (acquoso, cremoso o leggermente verde)
  • dolore o sensazione di bruciore durante la minzione
  • bisogno di urinare più frequentemente
  • periodi di spotting
  • gola infiammata
  • dolore durante il rapporto sessuale
  • dolore acuto al basso ventre

Test per la gonorrea

Gli operatori sanitari possono diagnosticare la gonorrea in diversi modi. Possono prelevare un campione di liquido dall’area sintomatica (pene, vagina, retto o gola) con un tampone e posizionarlo su un vetrino.

Se il medico sospetta un’infezione articolare o un’infezione del sangue, otterrà il campione prelevando il sangue o inserendo un ago nell’articolazione sintomatica per prelevare il fluido.

Quindi aggiungeranno una macchia al campione e lo esamineranno al microscopio. Se le cellule reagiscono alla macchia, può essere diagnosticata la gonorrea. Questo metodo è relativamente facile e veloce, ma non fornisce una certezza assoluta. Questo test può essere completato anche da un tecnico di laboratorio.

Un secondo metodo consiste nel prelevare lo stesso tipo di campione e posizionarlo su un piatto speciale. Questo sarà incubato in condizioni di crescita ideali per diversi giorni. Una colonia di batteri della gonorrea crescerà se la gonorrea è presente.

Un risultato preliminare può essere pronto entro 24 ore. Un risultato finale richiederà fino a 3 giorni.

Complicazioni

Le donne sono a maggior rischio di complicazioni a lungo termine da una trasmissione non trattata. Non trattati, i batteri possono risalire il tratto riproduttivo e coinvolgere l’utero, le tube di Falloppio e le ovaie.

Questa condizione è nota come malattia infiammatoria pelvica (PID) e può causare dolore grave e cronico e danni agli organi riproduttivi. La PID può essere causata anche da altre malattie sessualmente trasmissibili.

Le donne possono anche sviluppare il blocco o la cicatrizzazione delle tube di Falloppio, che possono prevenire future gravidanze o causare gravidanze ectopiche. Una gravidanza extrauterina è quando un ovulo fecondato si impianta all’esterno dell’utero.

La gonorrea può anche passare a un neonato durante il parto.

Gli uomini possono sperimentare cicatrici dell’uretra. La gonorrea può anche causare lo sviluppo di un ascesso doloroso all’interno del pene. Ciò può causare una ridotta fertilità o sterilità.

Quando la gonorrea si diffonde al flusso sanguigno, possono verificarsi artrite, danni alle valvole cardiache o infiammazione del rivestimento del cervello o del midollo spinale. Queste sono condizioni rare ma gravi.

Trattamento

Gli antibiotici moderni possono curare la maggior parte delle trasmissioni di gonorrea. La maggior parte degli stati fornisce anche diagnosi e cure gratuite presso cliniche sanitarie sponsorizzate dallo stato.

A casa e rimedi da banco (OTC)
Non ci sono rimedi casalinghi o farmaci da banco che cureranno la gonorrea. Chiunque pensi di aver contratto la gonorrea da un partner dovrebbe rivolgersi a un operatore sanitario.

Antibiotici
La gonorrea viene solitamente trattata con un’iniezione antibiotica di ceftriaxone una volta nei glutei e una singola dose di azitromicina per bocca. Una volta assunto l’antibiotico, dovresti sentire sollievo in pochi giorni.

L’emergere di ceppi di gonorrea resistenti agli antibiotici è una sfida crescente. Questi casi possono richiedere un trattamento più esteso, con un ciclo di 7 giorni di un antibiotico orale o una doppia terapia con due diversi antibiotici, solitamente per un totale di 7 giorni di terapia.

Gli antibiotici utilizzati per la terapia prolungata vengono solitamente somministrati una o due volte al giorno. Alcuni antibiotici comuni utilizzati includono azitromicina e doxiciclina.