Giorgia Butera (Mete Onlus): “Sì alla campagna di AIOM per l’oblio oncologico”

Giorgia Butera, presidente di Mete Onlus.
Giorgia Butera, presidente di Mete Onlus.

L’Organizzazione Mete Onlus, aderisce alla Campagna promossa dalla Fondazione AIOM: “Io non sono il mio Tumore” per il diritto all’oblio oncologico.

Oltre 900mila persone, oggi, in Italia, sono guarite da un tumore e si possono trovare a vivere difficoltà nell’accesso ad alcuni servizi, come la richiesta di mutui e prestiti, la stipulazione di assicurazioni e l’adozione di figli. Cinque Paesi europei (Francia, Lussemburgo, Olanda, Belgio e Portogallo) hanno già emanato la legge per il Diritto all’Oblio oncologico, per garantire a queste persone il diritto a non dichiarare informazioni sulla propria malattia. Fondazione AIOM lancia una campagna per richiedere all’Italia di adeguarsi garantendo il rispetto dei diritti degli ex-pazienti.

Giorgia Butera, Presidente dell’Organizzazione, ha firmato sia in qualità di Presidente Mete Onlus, che da paziente oncologica. Afferma: “Il percorso oncologico è un incontro imprevisto, ti annienta, strema, ma oggi guarire è possibile. Siamo persone, che non possono e devono essere discriminate. Di eguali diritti e doveri”.

LEGGI ANCHE: Carolina Marconi: “Non posso adottare un bambino perché ho avuto il tumore ma sono guarita”.