Costipazione nei bambini: cause e consigli per il trattamento

Se i pannolini del tuo bambino sono vuoti, molto probabilmente significa che ha problemi allo stomaco, magari sta soffrendo di costipazione.

Se i pannolini del tuo bambino sono vuoti, molto probabilmente significa che ha problemi allo stomaco. Mentre la costipazione infantile non è generalmente grave, può causare comunque disagio al piccolo e preoccupazione per i genitori.

La costipazione è una condizione in cui le feci diventano più solide e più dure in modo che non possano più essere facilmente eliminate dal corpo. Il bambino può essere turbato o provare dolore quando ha bisogno di svuotare le viscere.

Quando un bambino diventa stitico per la prima volta, può essere l’inizio di un circolo vizioso. Ciò a causa del dolore del passaggio delle feci dure e grandi che si sono accumulate nell’intestino e, di conseguenza, possono comparire ferite attorno all’ano.

Per evitare il dolore, il bambino può inconsciamente cominciare a trattenere le feci, determinando l’accumulo. Di conseguenza, il suo corpo assorbirà più acqua dalle feci, rendendole ancora più dure. Ciò può causare la stitichezza.

Un bambino costipato ha spesso coliche perché la grande quantità di feci fa dilatare l’intestino. In alcuni casi, il bambino potrebbe non volere mangiare e anche vomitare un po’.

Quali sono le cause costipazione del bambino?

Esistono diverse cause di costipazione infantile:

Costipazione nel bambino allattato al seno

Molto raramente un bambino allattato al seno soffre di costipazione perché il latte materno viene digerito più facilmente. I bambini allattati al seno hanno diversi tipi utili di batteri nell’intestino crasso che sono in grado di abbattere acarboidrati, proteine ​​e grassi altrimenti indigesti nel latte. Di conseguenza, le feci sono più morbide, facilitando i movimenti intestinali.

Il latte materno contiene anche un ormone chiamato motilina che aumenta il movimento delle viscere del bambino, aiutandole a svuotarsi. Un’ulteriore protezione contro la costipazione deriva dal fatto che un bambino allattato al seno può prelevare tutto il latte di cui ha bisogno dal seno.

La disidratazione può causare la costipazione. Ma se un bambino allattato al seno è un po’ disidratato, di solito può semplicemente assumere più latte, a differenza di un bambino allattato al biberon che non può bere più di quello che c’è nella bottiglia.

Costipazione nel bambino allattato con il biberon

I bambini allattati con il biberon soffrono spesso di costipazione perché il latte artificiale è più difficile da digerire e ha una quantità limitata di liquidi.

Un bambino che riceve solo latte artificiale avrà in genere meno movimenti intestinali rispetto a un bambino allattato al seno. Le feci sono più spesse e hanno un colore diverso, più verdastro.

Altre cause di costipazione nei bambini

Il cibo (cioè il tipo di latte e quindi i cibi dati dopo lo svezzamento) è generalmente la causa della costipazione del bambino. Tuttavia, la disidratazione, specialmente nella stagione calda, può essere un importante fattore.

Ma in alcuni casi, la costipazione può essere un sintomo di una malattia di base più grave. Se il bambino non sta ingrassando o mostra altri sintomi insoliti, consultare il medico.

Come trattare la costipazione nei bambini

  • Massaggiare la pancia del bambino

Comincia dall’ombelico e poi massaggiare in maniera concentrica verso l’esterno in senso orario. Un po’ di olio o crema sulle dita può anche aiutare a lubrificare la pelle e a mantenere i movimenti morbidi e delicati. Continua solo se al tuo bambino piace il massaggio ed è comodo e rilassato.

  • Muovere le gambe del bambino come se fosse in bicicletta

Posiziona il tuo bambino in modo che sia sdraiato sulla schiena. Tieni le gambe e girale delicatamente con un rapido movimento da bicicletta.

Ciò farà muovere i muscoli dello stomaco e, a sua volta, eserciterà una leggera pressione sull’intestino.

  • Acqua bollita ma raffreddata

Puoi dare al tuo bambino liquidi extra con bottiglie di acqua bollita e raffreddata. Assicurati di testare la temperatura prima di dargliela.

Fonte: Netdoctor.