Cosa fare se il cane vomita? Cause e quando preoccuparsi

Se vuoi sapere cosa fare se il cane vomita, leggi il nostro articolo e scopri i consigli migliori su questo delicato tema.

cosa fare se il cane vomita

Chi ha un amico a 4 zampe lo sa: vederlo stare male è fonte di profonda sofferenza e disorientamento. Per essere precisi sarebbe meglio parlare di frustrazione. In molti casi, come per esempio quando il cane ha un episodio di emesi, ci si sente a dir poco impotenti.

Se sei qui molto probabilmente lo sai bene e vuoi sapere cosa fare se il cane vomita. Nelle prossime righe, puoi trovare qualche utile informazione in merito.

Vomito cane: come intervenire

Prima di scoprire cosa fare quando il cane vomita, vediamo come mai si verifica questo fenomeno che, ormai da diversi anni, è al centro dell’impegno dei veterinari, che stanno mettendo a punto diversi percorsi terapeutici per affrontarlo.

cosa fare se il cane vomita

L’emesi canina ha origine da un gruppo di cellule situate a livello del tronco cerebrale e note come centro del vomito. Le suddette cellule ricevono informazioni dai vari apparati dell’animale e vedono se rispondere o meno con il vomito.

Chiarito questo aspetto, ricordiamo che il vomito del cane può essere di diversi tipi. Si può parlare nello specifico di:

  • Emesi gialla;
  • Emesi marrone.

Prima di allarmarsi è molto importante capire se si tratta di vomito effettivo o di rigurgito. Nel secondo caso, tra i fattori causali è possibile ricordare l’ingestione di cibo eccessivamente rapida da parte del nostro amico a 4 zampe.

LEGGI ANCHE: Come capire se il tuo cane sta male?

Cane vomita cibo dopo ore

Se il cane rigurgita ogni tanto non ci sono problemi. Se invece il fenomeno si ripete spesso e se il cane tende a vomitare il cibo anche dopo diverse ore dall’assunzione del pasto è il caso di valutare un contatto tempestivo con il veterinario.

In questi frangenti tra i fattori causali possono esserci:

  • Patologie a carico dell’esofago;
  • Compressione esercitata da parte del suddetto organo sugli altri presenti nella cavità toracica.

Contattare il veterinario in caso di rigurgiti continui o di vomito frequente è cruciale soprattutto quando si ha a che fare con un cane di pochi mesi appena uscito dallo svezzamento. In tali frangenti, è plausibile che si abbia a che fare con una malformazione congenita.

Vomito cane giallo

Se il vomito del cane è tendente al giallo gli esperti consigliano di non preoccuparsi. In casi del genere, infatti, si parla del cosiddetto vomito gastrico, generalmente privo di tracce di cibo. Fondamentale è specificare che, in tali frangenti, anche se si notano delle tracce di sangue non bisogna preoccuparsi. Il motivo della loro presenza è legato al fatto che l’animale ha compiuto uno sforzo per espellere il materiale gastrico, provocandosi la rottura di qualche capillare. Per ovviare a questa criticità, si può somministrare al proprio amico del pane secco nelle ore tra un pasto e l’altro.

Diversi sono i casi in cui nel vomito sono presenti tracce di cibo e le situazioni in cui il materiale emetico odora di feci. In tali contingenze, è opportuno contattare tempestivamente il veterinario.

LEGGI ANCHE: Perché il cane si lecca la zampa? Cause e quando preoccuparsi