Coronavirus, 6 errori da non commettere con le mascherine protettive

Il Covid-19 si diffonde attraverso le goccioline emesse dalla tosse o dallo starnuto. Per prevenirne la diffusione, il governo francese ha raccomandato alcune misure da seguire.

Il Covid-19 si diffonde attraverso le goccioline emesse dalla tosse o dallo starnuto. Per prevenirne la diffusione, il governo francese ha raccomandato alcune misure da seguire, sottolineando gli errori da non commettere.

1 – Non lavarsi le mani prima di indossare la mascherina

Il primo grande errore è dimenticare di lavarsi le mani prima di indossare la mascherina. A causa delle goccioline emesse durante la tosse o lo starnuto, l’ambiente viene rapidamente infettato da batteri o virus. Per evitare di spargerli sulla mascherina protettiva, è necessario lavarsi bene le mani con acqua e sapone o con un gel disinfettante. Inoltre, occorre ricordarsi di pulire le unghie, i pollici, il dorso delle mani e i polsi.

2 – Posizionamento errato della mascherina

Una maschera protettiva è utile soltanto se installata correttamente sul viso di chi la indossa. Deve, quindi, adattarsi al viso coprendosi bocca e naso, altrimenti non c’è alcuna protezione.

3 – Toccarsi il viso quando la mascherina è addosso

Ci tocchiamo il viso più volte al giorno. Tuttavia, quando indossiamo una mascherina, dobbiamo evitare di mettere le dita sul viso il più possibile. Le mani trasportano i batteri che possono contaminare la mascherina. Quest’ultima contiene anche microbi che possono infettare le mani.


LEGGI ANCHE: Coronavirus, la posizione salva-vita in terapia intensiva.

4  – Non cambiare regolarmente la mascherina protettiva

Mantenere la mascherina troppo a lungo è anche un errore. Non appena inizia a bagnarsi a causa della sudorazione o della respirazione, dovrebbe essere sostituita con uao nuovo. Poiché le mascherine sono monouso, non dovremmo riutilizzarle in seguito.

5 – Rimuovere la mascherina protettiva senza rispettare le regole

Per rimuovere la mascherina, rimuoverla dalla parte posteriore sciogliendo il nodo o tramite le stringhe. Soprattutto, non dobbiamo toccare la parte anteriore della mascherina che è infettata dal respiro. Quindi mettiamola in un contenitore chiuso e laviamoci di nuovo le mani prima di inserirne un’altra.

6 – Dimenticare di lavare regolarmente le mascherine riutilizzabili

Meno efficaci delle maschere chirurgiche o FFP2, le maschere artigianali sono utili quando chi la indossa è malato, perché riducono la probabilità di trasmettere le goccioline sulle persone o sulle superfici circostanti. Tuttavia, non è stata ancora fornita alcuna prova della loro efficacia. Dopo ogni utilizzo, dobbiamo ricordarci di pulirle bene.

Quali sono i diversi tipi di mascherina?

A causa della pandemia di coronavirus, l’uso delle mascherine mediche è diventato molto diffuso. Ce ne sono di due tipi:

  • Mascherine chirurgiche: il loro scopo è quello di proteggere le persone intorno a chi le indossa bloccando lo scarico delle secrezioni nell’aria.
  • Maschere FFP2: hanno un sistema di filtraggio che protegge chi le indossa dall’inalazione di aerosol liquidi e solidi.

LEGGI ANCHE: Il Covid-19 è nato nei laboratori di Wuhan?