C’è un legame tra il Covid-19 e i problemi neurologici nei neonati?

Il Covid-19 ha effetti negativi sullo sviluppo neurologico dei neonati? Di seguito troverete i risultati emersi in un'indagine spagnola.

Covid-19 e neonati
Covid-19 e neonati.

Il Covid-19 ha effetti negativi sullo sviluppo neurologico dei neonati? Di seguito troverete i risultati emersi a un’indagine spagnola.

Neonati e Covid-19

Alcuni bambini sono stati concepiti e hanno vissuto interamente mentre il mondo stava lottando con il Covid-19. Ciò significa che stiamo entrando nel punto in cui possiamo rispondere a una domanda che è stata nella mente di molte persone: che effetto ha il Covid-19 sullo sviluppo dei feti?

Un’analisi preliminare di 212 gravidanze in strutture in tutta la Spagna ha rivelato alcuni risultati preoccupanti. “Abbiamo scoperto che alcuni elementi della misurazione NBAS [Neonatal Behavioral Assessment Scale] sono stati modificati in bambini di sei settimane che erano stati esposti al virus SARS-COV-2“, ha affermato la ricercatrice Águeda Castro Quintas, che presenterà i risultati al Congresso Europeo di Psichiatria.

Effettivamente reagiscono in modo leggermente diverso all’essere trattenuti o coccolati“, ha spiegato.

Questa prima fase della vita è un periodo importante di crescita e sviluppo per i nuovi esseri umani. Il bambino può già sorridere durante queste prime settimane e sa riconoscere le voci di chi si prende cura di lui.

Tuttavia, un’altra area su cui si lavora silenziosamente durante queste prime settimane è la funzione motoria, che permette il controllo sui movimenti. Potrebbe non sembrare impressionante dal punto di vista degli adulti, ma aggrapparsi a un sonaglio e dargli una scossa (e non farlo cadere!) è davvero un grande risultato quando hai meno di due mesi. Così anche il sollevamento e il movimento della testa e delle spalle, ma questa è un’altra area che sembra essere presa di mira da un’infezione materna da Covid-19.

Lo studio

Ogni madre e ogni bambino sono stati attentamente esaminati da medici con una formazione esperta nel campo e nei test“, ha affermato Castro Quintas. “Abbiamo scoperto che i bambini le cui madri erano state esposte a Covid hanno mostrato effetti neurologici a 6 settimane, ma non sappiamo se questi effetti comporteranno problemi a lungo termine“.

Ovviamente, con un campione così piccolo, la squadra mette in guardia dal trarre conclusioni troppo forti dai risultati. “Non tutti i bambini nati da madri infette da Covid mostrano differenze di sviluppo neurologico“, ha affermato Rosa Ayesa Arriola, ricercatrice capo del progetto.

“Ma i nostri dati mostrano che il loro rischio è aumentato rispetto a quelli non esposti a Covid nell’utero”, ha spiegato. “Serve uno studio più ampio per confermare l’esatta entità della differenza“.

Questo non è il primo studio a suggerire che l’infezione da Covid-19 durante la gravidanza potrebbe avere alcuni effetti avversi sulla prole. I risultati sono “in linea con una ricerca simile dal Messico pubblicata su PlosONE nel maggio 2022 … [e] uno studio cinese pubblicato su Frontiers in Pediatrics nel dicembre 2021“, ha spiegato a IFLscience Mariya Hristova, ricercatrice presso l’Institute for Women’s Health.

Entrambi gli studi indicano un legame tra l’infezione da Covid-19 in gravidanza e gli effetti avversi sullo sviluppo neurologico, ha affermato Hristova, con i bambini che mostrano “livelli inferiori nella comunicazione, movimenti grossolani, movimenti fini, risoluzione dei problemi e domini personali-sociali … [e] un aumentato rischio di sviluppo di disturbi neurologici”.

LEGGI ANCHE: Nuovo virus, influenza del pomodoro: di cosa si tratta?