“Bevande gassate dietetiche pericolose per le donne”, dagli USA studio shock

Uno studio americano ha scoperto che le bevande gassate aumentano il rischio di ictus e infarto nelle donne. Ecco i dettagli.

bevande gassate

Due lattine di bevande gassate senza zucchero al giorno potrebbero aumentare il rischio per una donna di infarto o di ictus di quasi un terzo. Lo dice uno studio che ha coinvolto oltre 80mila donneò.

Nel dettaglio, le donne che bevono regolarmente le bevande gassate hanno il 31% in più di probabilità di avere un ictus causato da un coagulo di sangue.

Inoltre, le donna hanno il 29% in più di probabilità di sviluppare malattie cardiache e il 16% in più di probabilità di morire, rispetto alle donne che bevono raramente le bevande gassate.

La ricerca non ha registrato quali bevande abbiano bevuto le domande coinvolto dallo studio, quindi non sappiamo quali specifici dolcificanti artificiali siano così dannosi per la salute né perché. Sono stati, poi, riscontrati rischi particolarmente alti in certe donne, ad esempio in chi erano già obese.

Questa potrebbe essere una notizia sgradita per chi opta per le bevande dietetiche come alternativa più salutare a quelle zuccherate.

Il dott. Yasmin Mossavar-Rahmani, autore principale dello studio dell’American Heart Association e dell’American Stroke Association, ha dichiarato: “Molte persone ben intenzionate, specialmente quelle in sovrappeso o obese, bevono bevande zuccherate a basso contenuto calorico per ridurre le calorie. La nostra ricerca e altri studi osservazionali hanno dimostrato che le bevande artificialmente addolcite potrebbero non essere innocue e che l’elevato consumo è associato a un rischio più alto di ictus e malattie cardiache“.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Stroke, ha compreso i dati di 81.714 donne tra i 50 e i 79 anni raccolti all’inizio dello studio, ovvero tra il 1993 e il 1998. Le partecipanti sono state monitorate per una media di 12 anni.

Ogni 3 anni, le donne hanno riferito con quale frequenza nei precedenti tre mesi avevano consumato bevande gassate dietetiche. I risultati sono stati ottenuti dopo un aggiustamento per vari fattori di rischio come età, pressione alta e fumo.

I ricercatori hanno scoperto che, tra le donne anziane, bere più bevande dietetiche al giorno era associato a un rischio aumentato di ictus causato da un’arteria ostruita. L’analisi ha poi esaminato le donne senza una storia di malattie cardiache e diabete, ovvero i principali fattori di rischio per l’ictus. La percentuale di rischio è poi aumentata drammaticamente nelle donne obese o afroamericane (quest’ultime con 4 volte in più la probabilità di avere un ictus).

Una porzione di bevanda dietetica considerata è stata di 355 ml – una lattina di dimensioni regolari – ma lo studio non ha considerato i singoli dolcificanti artificiali contenuti nelle bevande.

Gli autori hanno sottolineato che lo studio ha trovato un collegamento ma non è stato in grado di dimostrare se le bevande dietetiche causino direttamente problemi di cuore e ictus. Hanno anche affermato che i risultati potrebbero non essere applicabili agli uomini o alle donne più giovani.

Chi lavora nel settore delle bevande analcoliche ha affermato che lo studio non ha dimostrato nessun collegamento causa – effetto.

Gavin Partington, della British Soft Drink Association, ha dichiarato al Daily Mail: “Questo studio sostiene l’associazione tra le bevande dietetiche e l’aumentato rischio di ictus, ma non fornisce prove sul nesso di causalità. Secondo tutte le principali autorità sanitarie del mondo, compresa l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, gli edulcoranti a basso contenuto calorico sono sicuri. Nel marzo 2017, il governo del Regno Unito e la sanità pubblica britannica hanno approvato l’uso di edulcoranti ipocalorici come alternativa sicura per ridurre lo zucchero nei cibi e nelle bevande e per aiutare le persone a gestire il loro peso“.