Bere té può ridurre il rischio di diabete… ma quante tazze al giorno?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 422 milioni di persone convivono con il diabete a livello globale.

Il tipo più comune è il diabete di tipo 2, che si verifica quando il corpo non è in grado di produrre insulina a sufficienza o diventa resistente all’insulina e non può assorbire facilmente l‘insulina dal sangue.

Alcuni studi hanno scoperto che il consumo di tè e caffè è associato alla riduzione della mortalità per tutte le cause.

Altre ricerche indicano che il consumo quotidiano di tè verde è correlato a un minor rischio di diabete di tipo 2 e un minor rischio di mortalità per tutte le cause in chi ne soffre.

E recentemente i ricercatori hanno condotto una meta-analisi di 19 studi di coorte di otto Paesi per studiare gli effetti del consumo di tè nero, verde e oolong sul rischio di diabete di tipo 2.

Ebbene, “bere il tè non sembra essere dannoso e può conferire un piccolo beneficio nella riduzione del rischio di diabete”. Lo ha affermato il dottor Kashif M. Munir, professore associato di medicina presso l’Università del Maryland Center for Diabetes and Endocrinology, che non è stato coinvolto nello studio. “Altri alimenti ricchi di polifenoli hanno mostrato effetti simili”.

La meta-analisi è stata presentata all’incontro annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete a Stoccolma, in Svezia.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di 5.199 partecipanti adulti del China Health and Nutrition Survey. I partecipanti non avevano il diabete all’inizio dello studio e sono stati seguiti dal 1997 al 2009. Il loro consumo di tè è stato raccolto tramite questionari.

Complessivamente, il 45,76% dei partecipanti ha riferito di avere bevuto tè e il 10,04% della coorte ha sviluppato diabete di tipo 2 durante il periodo di studio.

Dopo aver sistemato lo studio per fattori quali età, sesso e stile di vita, i ricercatori hanno scoperto che i bevitori di tè hanno un rischio di diabete di tipo 2 simile a quelli che non bevono tè.

Successivamente, i ricercatori hanno condotto una revisione sistematica di 19 studi di coorte con 1.076.311 partecipanti che hanno studiato il legame tra il rischio di diabete di tipo 2 e il consumo di tè.

Inoltre, gli studiosi sono stati in grado di esplorare la relazione tra il rischio di diabete di tipo 2 e il consumo di diversi tipi di tè, compresi tè verde, tè oolong e tè nero, la frequenza del consumo di tè e il sesso.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che bevono 1-3 tazze di tè al giorno hanno un rischio inferiore del 4% di sviluppare il di diabete di tipo 2 rispetto ai non bevitori.

Infine, coloro che bevono almeno quattro tazze di tè al giorno, anno un rischio inferiore del 17% di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto ai non bevitori di tè.

LEGGI ANCHE: È sicuro farsi la doccia durante un temporale?