Ameba che distrugge il cervello: caso raro in Florida

ameba

In Florida è stato confermato il caso di un’ameba rara e distruttiva per il cervello. Il dipartimento della salute dello Stato americano ha confermato un caso di Naegleria fowleri, ameba di dimensioni infinitesimali che può colpire il cervello, infettarlo e, in alcuni frangenti, risultare fatale.

LEGGI ANCHE: Gel idroalcolico e sole: combinazione pericolosa per la salute

Solo 37 casi dal 1962

Il caso in questione è, come già detto, rarissimo: dal 1962 ad oggi, in Florida ne sono stati registrati solo 37. L’ultimo, che è stato ripreso anche da diversi media USA come CTV News, riguarderebbe un paziente della contea di Hillsborough. Per ora, dal dipartimento della salute dello Stato non sono arrivate altre notizie ufficiali.

La larva sopra citata cresce spesso in acque dolci calde come quelle dei laghi, dei fiumi e degli stagni. Le autorità sanitarie della Florida hanno ammonito la popolazione, rivolgendosi in particolare a chi nelle fonti d’acqua dolce sopra ricordate e invitando alla consapevolezza in merito alla possibile presenza dell’ameba.

Gli esperti hanno altresì fatto presente che gli effetti negativi sulla salute dell’uomo possono essere prevenuti evitando il contatto nasale con le acque. L’ameba, infatti, utilizza questo canale per entrare nel nostro organismo.

In generale, è stato sconsigliato il bagno in corsi di acqua dolce in prossimità delle centrali elettriche e in corsi d’acqua dolce poco profondi e particolarmente caldi. Gli esperti del dipartimento della salute si sono concentrati anche su alcune raccomandazioni dedicate a chi, invece, utilizza l’acqua per decongestionare i seni nasali. In questi frangenti, per evitare problemi è opportuno bollirla.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Tom Hanks: “Chi non indossa la mascherina deve vergognarsi”