Gel idroalcolico e sole: combinazione pericolosa per la salute

A lanciare l'allarme in merito ci hanno pensato alcuni dermatologi intervistati su El Mundo.

Da quando è iniziata l’emergenza Coronavirus, il gel idroalcolico è entrato a far parte delle nostre vite come punto di riferimento per l’igienizzazione delle mani. Quando lo si nomina, è il caso di citare il fatto che potrebbe risultare dannoso per la salute in estate.

A chiarire le cose in merito ci hanno pensato alcuni dermatologi spagnoli in un articolo pubblicato dieci giorni fa sulle pagine del quotidiano El Mundo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: il vaccino proteggerà dalla malattia e non dall’infezione

Gel idroalcolico: perché fa male alle pelle in estate

Come mai il gel idroalcolico può rivelarsi dannoso per la pelle in estate? Il motivo è molto semplice: si tratta di una soluzione composta al 60/70% da alcol. Il suo utilizzo, soprattutto dopo un’importante esposizione al sole, può essere causa di varie reazioni cutanee.

Si parla di secchezza accentuata, ma anche di vere e proprie ustioni. Le reazioni cutanee che si possono innescare a causa dell’utilizzo del gel idroalcolico in estate sono numerose!

Proseguendo con l’elenco, ricordiamo l’iperpigmentazione in determinate zone dell’epidermide. Quest’ultima problematica si palesa soprattutto quando la soluzione contiene oli essenziali o profumo e può sfociare nella formazione di macchie marroni.

Secondo i dermatologi che hanno firmato l’articolo sopra ricordato, ad accentuare il rischio ci pensa il fatto che, nella maggior parte dei casi, i gel idroalcolici sono inodori e incolori. Questo, a detta degli esperti, causerebbe una falsa sensazione di evaporazione in casi in cui, invece, il prodotto è ancora presente.

Alla luce di ciò, gli operatori sanitari intervistati dal quotidiano spagnolo raccomandano di focalizzarsi sul lavaggio delle mani con acqua e sapone, misura di sicurezza utile per contenere il contagio e, soprattutto, non pericolosa per la salute della nostra pelle.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: perché si diffonde facilmente nei mattatoi?