10 segni che potrebbero indicare che il tuo cane sia malato

Il cane non può descrivere i sintomi che avverte ma un proprietario può conoscere quali siano i segni che indichino una malattia. Ecco perché è importante conoscerli.

0
cane

Come nel caso degli esseri umani, la salute di un cane cambia con l’età. Sfortunatamente, però, i nostri animali domestici invecchiano molto più velocemente di noi.

Sintomi

Indipendentemente dall’età del tuo cane, giochi un ruolo chiave nell’aiutarlo a rimanere il più sano possibile. Ricorda: il tuo cane non può descriverti i sintomi ma può mostrarti i segni di una malattia. Conoscerli, quindi, è un modo per aiutare a ridurre il rischio che il tuo cane possa ammallarsi:

  • Alito cattivo o sbavamento;
  • Eccessiva sete o minzione;
  • Cambiamento dell’appetito associato alla perdita o al guadagno di peso;
  • Cambiamento nel livello delle attività (ad esempio: mancanza di interesse nel fare cose che prima faceva abitualmente);
  • Rigidità o difficoltà a salire o scendere le scale;
  • Dormire più del normale;
  • Tosse, starnuti, respiro affannoso;
  • Pelle secca o pruriginosa, piaghe, noduli;
  • Frequenti disturbi digestivi o cambiamenti nei movimenti intestinali;
  • Occhi asciutti o rossi.

Se il tuo migliore amico mostra uno o più dei seguenti sintomi, contatta immediatamente un veterinario.

Tuttavia, potresti non sempre riconoscere che il tuo cane sia malato. Spesso, anche i proprietari dei cani più attenti attribuiscono all’invecchiamento i segni labili di una malattia.

Diagnosi / trattamento

Dal momento che i segni di una malattia non sono sempre evidenti, il veterinario può consigliare di sottoporre il cane ad alcune analisi:

  • Test per valutare lo stato degli organi interni e per garantire che il cane non sia disidratato o che soffra di uno squilibrio elettrolitico;
  • Test per escludere che l’animale domestica abbia la filaria o altre malattie infettive;
  • Esame emocromocitometrico completo per escludere condizioni correlate al sangue;
  • Test delle urine per lo screening delle infezioni del tratto urinario e di altre malattie e per valutare la capacità dei reni di concentrare l’urina;
  • Test della tiroide per determinare se la ghiandola tiroidea stia producendo troppo poco ormone tiroideo;
  • ECG per individuare un eventuale ritmo cardiaco anormale, che potrebbe indicare una cardiopatia sottostante;

Prevenzione

Lo screening preventivo delle cure non solo aiuta a individuare la malattia nelle fasi iniziali, quando è più probabile che risponda alle terapie, ma può anche aiutare a evitare spese mediche significative e a mettere a rischio la salute del cane.

Inoltre, più visite preventive si fanno, più il veterinario avrà conoscenza del vostro cane e notare meglio la comparsa di eventuali anomalie. Insomma, lo screening annuale è la migliore medicina preventiva.

Commenti