Torsione gastrica dei cani: cause, sintomi e cura

La condizione in questione, particolarmente diffusa tra i cani di sesso maschile, richiede un intervento tempestivo del veterinario.

La torsione gastrica nel cane è un problema che non deve essere assolutamente trascurato. Se stai per accogliere un amico a 4 zampe in casa e vuoi prenderti cura nel migliore dei modi della sua salute, nelle prossime righe puoi trovare alcune informazioni molto importanti.

torsione gastrica nel cane

Torsione stomaco cane dopo quanto tempo dal pasto

Nella maggior parte dei casi, i padroni che hanno a che fare con il problema della torsione gastrica nel cane si accorgono della situazione quando, finito il pasto, il proprio amico si accascia. Il quadro comprende anche l’addome gonfio, così come le difficoltà nella respirazione.

In tali frangenti – ricordiamo che i sintomi possono comparire anche poco dopo la fine del pasto – è cruciale contattare tempestivamente il veterinario.

LEGGI ANCHE: Cosa fare se il cane vomita?

Torsione stomaco cane razze a rischio

Quando si parla della torsione allo stomaco nel cane, è necessario ricordare che alcune razze sono considerate più a rischio di altre. Tra queste è possibile citare le razze di grossa taglia, come per esempio il pastore tedesco. Da qualche anno a questa parte, grazie ai progressi in campo veterinario, è stato possibile scoprire che, seppur in casi rari, la torsione gastrica riguarda anche i cani di taglia media o di taglia piccola.

A questo punto è naturale chiedersi in cosa consista di preciso la torsione gastrica nel cane. Quando si ha a che fare con questa patologia, ci si trova davanti a due condizioni che fanno la loro comparsa in contemporanea.

Da un lato il cane è interessato da una distensione a carattere cronico delle pareti dello stomaco. Dall’altro, invece, l’amico a 4 zampe incontra palesi difficoltà nell’espulsione dei gas accumulati a livello gastrico.

Quando si chiama in causa la torsione gastrica è basilare considerare alcuni fattori di rischio. Ecco i principali (oltre alla razza):

  • Abitudini alimentari (i cani che fanno un singolo pasto al giorno sono particolarmente a rischio)
  • Età (attorno ai 5/6 anni aumenta la probabilità di andare incontro a torsione dello stomaco)
  • Sesso (i cani di sesso maschile sono esposti a un rischio doppio di torsione dello stomaco)

Chiariti questi cruciali aspetti, non rimane che stare molto attenti a come il proprio amico a 4 zampe reagisce dopo aver mangiato. Trascurare i sintomi della torsione gastrica – condizione che si contraddistingue per un’eccessiva presenza di gas a livello gastrico e per la torsione dello stomaco sul suo asse maggiore – è molto pericoloso.

Tra le principali complicanze di questa patologia è infatti possibile citare l’insorgenza di problemi cardiaci, come per esempio le aritmie. Per questo motivo, se si manifestano i sintomi sopra ricordati è bene contattare subito il veterinario di fiducia (se non si ha ancora un riferimento valido, si può fare una ricerca geolocalizzata sul sito della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani).

LEGGI ANCHE: Harry e Meghan, la resa dei conti è arrivata.