Tampone alla cannabis contro i dolori mestruali

Negli Stati Uniti ora ci sono i tampax a base di cannabis con potere antidolorifico, antinfiammatorio e antispasmodico.

0

Molte donne, ogni mese, soffrono di dolori mestruali estenuanti tanto da portarle, in alcuni casi, sull’orlo di un cedimento psicofisico.

Ora ciò potrebbe cambiare, perché dagli Stati Uniti è arrivato un nuovo prodotto destinato a cambiare la sorte di centinaia di migliaia di donne, una nuova panacea per chi soffre in maniera particolarmente acuta i dolori: i cosiddetti tamponi alla cannabis.

L’assorbente che ha le dimensioni di un tampone, è stato messo sul mercato statunitense dalla società statunitense Floria e agisce già da 15 a 30 minuti dopo l’inserimento.

[amazon_link asins=’B01GTQCJES,B00PAPFRE4,B016AGSNV0,B06VY19WC2,B07791H6RY,B01MSBMWDY,B001EC6FWK,B0747V2B7F’ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’e581e4df-6d4b-11e8-be69-e18da1546988′]

Nello specifico altro non è che una capsula vaginale che contiene 60 milligrammi di Thc, l’elemento psicoattivo della cannabis che funziona da antidolorificio senza indurre alcun stato di alterazione e 10 milligrammi di Cbd, l’elemento curativo che combatte l’infiammazione e rilassa gli spasmi muscolari. Il prodotto, che è venduto in un box completo di 4 tamponi al costo di 25 euro circa, è in grado di agire così su dolore e infiammazione provocati dalle mestruazioni senza alterare la mente o avere gli effetti di una droga psicoattiva.

Una sorta di tampone miracoloso, quindi, – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti dal potere antidolorifico – antinfiammatorio e antispasmodico soprattutto su crampi, mal di pancia, mal di testa e dolori muscolari. Che dire, donne, bisogna augurarsi che arrivi presto in Italia: più dell’84% del popolo femminile, soffre di dolori e fastidi legati al ciclo e sappiamo quanto una donna “in periodo” possa condizionare negativamente il destino di molti“.

Commenti