Sonno: a che ora andare a letto a seconda dell’età

A fornire indicazioni in merito ci ha pensato la National Sleep Foundation.

a-che-ora-andare-a-letto

La qualità del sonno è fondamentale per il benessere. Man mano che si va avanti con gli anni, cambiano le esigenze da questo punto di vista. Interrogarsi in merito significa, per forza di cose, chiedersi a che ora è meglio andare a letto a seconda dell’età. Nelle prossime righe, abbiamo riassunto alcune risposte in merito.

Il parere della National Sleep Foundation

Quando si parla di quante ore è bene dormire a seconda dell’età, interessante è il punto di vista degli esperti della National Sleep Foundation. Ecco alcuni parametri importanti:

  • Dalla nascita ai tre mesi: necessità di dormire dalle 14 alle 17 ore al giorno
  • Dai 4 ai 12 mesi: necessità di dormire dalle 12 alle 15 ore al giorno
  • Da 1 a 2 anni: necessità di dormire dalle 12 alle 14 ore al giorno

Man mano che si va avanti con l’età, le ore che bisognerebbe dedicare al sonno ogni giorno diminuiscono. Giusto per fare un esempio ricordiamo che, dai 14 ai 17 anni, secondo gli esperti della National Sleep Foundation bisognerebbe dormire dalle 8 alle 10 ore al giorno. Dai 18 ai 64 anni, invece, dalle 7 alle 9 ore. 

LEGGI ANCHE: Quali sono le migliori tisane per prendere sonno?

A che ora è meglio andare a letto?

Chiarita questa doverosa premessa, viene da chiedersi a che ora è meglio andare a letto. In questo caso, viene incontro un calcolatore presente sulla rivista Healthline. Quest’ultimo tiene conto dei 15 minuti necessari per addormentarsi, ma anche del tempo per svegliarsi. Inoltre, si considerano cicli di sonno di 90 minuti.

Facendo qualche esempio specifico, ricordiamo che una persona adulta che si alza alle 6.00 dovrebbe andare a letto tra le 20.45 e le 22.15. Chi si alza alle 7.00, invece, dovrebbe coricarsi tra le 21.45 e le 23.15.

LEGGI ANCHE: Gli alimenti che aiutano a dormire meglio quando fa caldo