Soffio al cuore: cos’è, sintomi, cause e trattamento

Il soffio al cuore è una condizione in cui il flusso del sangue perde la sua silenziosità. Scopriamo come si tratta e cosa lo causa.

Quando il medico percepisce un rumore anomalo nell’auscultare il torace, si ha a che fare con il cosiddetto soffio al cuore. Scopriamo qualcosa di più su questo fenomeno nelle prossime righe.

Soffio al cuore: di cosa si tratta?

Il soffio al cuore è un fenomeno causato da una turbolenza nel flusso ematico a livello cardiaco. La sua durata, così come la posizione, sono variabili. Esistono due forme di soffio al cuore. Ecco quali sono:

  • Soffio sistolico, che fa la sua comparsa durante la contrazione del cuore (sistole)
  • Soffio diastolico, con caratteristiche molto vicine all’aritmia cardiaca

La maggior parte delle persone che hanno un soffio al cuore non se ne rendono neanche conto. Di solito, vengono a conoscenza della cosa durante controlli medici di routine.

LEGGI ANCHE: Bevande zuccherate: i rischi per la salute del cuore delle donne

Cause

Sono diverse le cause che possono procurare soffi al cuore. In questo novero è possibile includere le anomalie a carico delle valvole cardiache, una circolazione più rapida del normale, così come l’ipertiroidismo, i deficit di globuli rossi, la crescita particolarmente rapida durante l’adolescenza. firma

Trattamento

Il soffio al cuore non richiede trattamenti di per sé. Quello che conta, è trattare il disturbo all’origine. Questo vuol dire, per esempio, intervenire per risolvere il problema dell’anemia o dell’insufficienza cardiaca.

Previa prescrizione da parte del medico, può rivelarsi utile anche la prescrizione di farmaci. Tra questi è possibile citare i diuretici, i beta-bloccanti e gli anticoagulanti. Nei casi più gravi, potrebbe rendersi necessario un intervento chirurgico per sostituire la valvola cardiaca difettosa.

LEGGI ANCHE: Gli asparagi fanno bene al cuore?