Scoperto un nuovo organo nel corpo umano

L'insegnamento anatomico classico non è corretto, oggi si può parlare del 79° organo del corpo umano. Di quale si tratta?

Un tempo si pensava che il mesentere facesse parte del tubo digerente, ma due scienziati affermano che in realtà è il 79° organo del nostro corpo.

Il corpo umano ha un “nuovo” organo

Il “nuovo” organo si chiama mesentere e il tratto digestivo di tutti ne ha uno.

Un tempo si pensava che il mesentere fosse costituito da strutture separate, ma in recenti ricerche è stato rivelato che è un organo continuo.

L’organo è responsabile del trasporto di sangue e fluido linfatico tra l’intestino e il resto del corpo.

Secondo J. Calvin Coffey, Ph.D., F.R.C.S., professore di chirurgia presso la Graduate Entry Medical School, University of Limerick e University Hospitals Limerick, in Irlanda, “Ora stiamo dicendo che abbiamo un organo nel corpo che non ha non è stato riconosciuto come tale fino ad oggi“.

Curiosità scientifica

Coffey e il suo collega Peter O’Leary, Ph.D., scoprirono per la prima volta che il mesentere era un organo.

In un’e-mail, Coffey ha spiegato la sua scoperta a Healthline in questo modo: “Sono principalmente un chirurgo che opera sull’intestino crasso e sul retto. Ho notato che la tecnica che utilizziamo sul colon sinistro ha le stesse basi anatomiche delle tecniche che utilizziamo sul destro“.

Quando l’ho guardato più da vicino, ho notato che il motivo era che il colon destro e sinistro hanno un mesentere attaccato. (In ogni paziente. Cioè, universalmente.)

Coffey ha condotto uno studio “esaminando più da vicino i risultati chirurgici e ha notato che – sì, in effetti – sia la regione destra che quella sinistra del colon hanno un mesentere distinto e sostanziale“.

Inoltre, queste regioni del mesentere erano continue con le regioni del mesentere associate all’intestino tenue, al colon trasverso, al colon sigmoideo e al retto, ha detto.

In effetti, è tutta una struttura continua.

Ciò significa che l’insegnamento anatomico classico, che parlava di più mesenteri separati, non era corretto e che il mesentere associato all’intestino tenue e crasso era in realtà una struttura sostanziale“, ha detto Coffey.

Quindi, gli studenti di medicina che hanno memorizzato il numero 78 come numero di organi del corpo umano dovrebbero pianificare un piccolo lavoro cerebrale revisionista per ricordare il numero 79.

Qual è la funzione?

La scoperta è solo il primo passo, ha detto Coffey.

Ha sottolineato che mentre la struttura del mesentere è nota, la sua funzione non lo è.

Ulteriori studi potrebbero portare a una migliore comprensione e trattamento delle malattie addominali e digestive.

Ora abbiamo stabilito l’anatomia e la struttura, il passo successivo è la funzione“, ha detto Coffey a ScienceAlert.

Se capisci la funzione, puoi identificare la funzione anormale e quindi hai la malattia. Mettili tutti insieme e avrai il campo della scienza mesenterica… la base per un’area scientifica completamente nuova”, ha detto. “Questo è rilevante universalmente in quanto riguarda tutti noi“.

Come chirurgo esperto, Coffey è consapevole che, “Secondo l’insegnamento anatomico classico, il colon destro e sinistro non hanno un mesentere attaccato e, se fosse presente un mesentere, questo dovrebbe essere considerato anomalo“.

Ha continuato dicendo a Healthline: “Alcuni testi suggerivano che il colon destro e sinistro avessero un mesentere rudimentale, attaccato immediatamente dietro di loro. Quindi, ciò che abbiamo scoperto chirurgicamente era molto diverso da ciò che ci è stato insegnato anatomicamente“.

Un segno sicuro del suo cambiamento di status è che il mesentere è stato accettato come organo in “Gray’s Anatomy“, la serie di libri di medicina più conosciuta al mondo.

Sebbene nessuno nel campo sembrasse sapere chi sia l’autorità finale per dire “Sì” o “No” allo stato dell’organo, le prove per la riclassificazione di questo organo sono ora pubblicate su The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Se volete restare aggiornate, seguiteci su Facebook cliccando qui.

LEGGI ANCHE: Covid-19, un’APP al posto del tampone?