Scoperto paziente con un terzo rene

Un uomo di 38 anni, in ospedale a San Paolo del Brasile per una lombalgia, è risultato avere tre reni, un'anomalia congenita rarissima.

Arriva dal Brasile la storia di un uomo di 38 anni che ha una peculiarità a dir poco speciale. Prima di dire di spiegare di cosa si tratta, facciamo un passo indietro ricordando che l’uomo si era recato in ospedale a San Paolo del Brasile – all’ospedale Rim per la precisione – lamentando una lombalgia.

La scoperta dei medici brasiliani

Eseguendo una radiografia nella parte bassa della schiena del paziente, i medici del nosocomio brasiliano hanno scoperto un disco intervertebrale uscito dalla sua posizione, provocando, di fatto, un’ernia del disco.

I sanitari hanno fatto una scoperta ben più inaspettata e a dir poco bizzarra. Quale di preciso? Quella di un terzo rene. Il rene sinistro del paziente è risultato infatti associato ad altri due reni fusi al centro del bacino.

Il soggetto in questione è risultato avere una funzionalità renale perfettamente nella norma. Per quanto riguarda invece l’anatomia, è il caso di ribadire che, in questa persona, uno dei reni pelvici è collegato direttamente alla vescica. L’altro, invece, è collegato all’uretra che scende dal rene sinistro. 

Si tratta di un’oggettiva stranezza che, come sopra accennato, non influenza in alcun modo l’efficienza di questi organi fondamentali per la nostra salute. I medici che hanno avuto a che fare con questo paziente, hanno pubblicato un rapporto con tutti i dettagli del caso sul New England Journal of Medicine, specificando per esempio che il livello di creatinina è pari a 0,9 mg per decilitro.

LEGGI ANCHE: Cosa succede al nostro corpo quando mangiamo le amarene?

Un’anomalia congenita molto rara

Il rene soprannumerario è un’anomalia congenita molto rara che, secondo quanto riportato fino ad ora in letteratura medica, riguarda circa 100 persone al mondo. Nella maggior parte dei casi, la presenza dell’organo in più è frutto di anomalie nel corso del processo di embriogenesi.

Nel caso del paziente brasiliano, i medici parlano di una prematura divisione del rene sinistro dalla gemma ureterica, facendo notare anche che il rene destro e il rene inferiore sinistro sono fusi assieme.

LEGGI ANCHE: Caso rarissimo: dopo 50 anni vive ancora con il rene della madre