Caso rarissimo: dopo 50 anni vive ancora con il rene della madre

Nel dicembre 1968, Jean-Pierre Saliège ricevette da sua madre un rene dopo che il suo aveva smesso di funzionare. Il racconto di un record 'miracoloso'.

0

Quando, il 2 dicembre 1968, il 20enne Jean-Pierre Saliège fu condotto in sala operatoria per un trapianto di rene, non avrebbe potuto immaginare che quell’organo, donato dalla madre, sarebbe stato ancora al suo posto dopo 50 anni.

Oggi, Jean-Pierre Saliège ha 70 anni e il suo rene sta ancora funzionando bene: mezzo secolo fa è stato sottoposto a una trapianto urgente dopo che i suoi reni avevano smesso di fare il loro dovere a causa di una malformazione e fu la madre a donargliene uno.

L’uomo ha ricordato alla stampa francese che “c’era un grande campo sterile che ci separava, quaranta medici con guanti, camice e mascherine“.

La madre del donatore è ancora viva e festeggerà presto il suo 97° compleanno. “È stata una rinascita, mia madre mi ha dato la vita due volte“, ha detto all’AFP l’uomo, appassionato di motociclette, fan del rock’n’roll e degli spazi aperti del West americano.

L’ospedale Foch di Suresnes (Francia) dove si svolse l’operazione, ha celebrato, come si apprende da PourquoiDocteur.fr, ufficialmente questo anniversario e questo record di longevità lo scorso venerdì 10 maggio.

Si tratta, infatti, di un caso molto raro. Come ha ricordato Renaud Snanoudj, nefrologo dell’ospedale francese, nel 1968 “eravamo nelle prime fasi del trapianto di reni: il primo risaliva alla fine degli anni 50 e all’inizio degli anni 60. I pazienti morivano abbastanza velocemente perché non avevamo gli antibiotici per prevenire le infezioni e il trattamento non era molto efficace nel prevenire il rigetto“.

Probabilmente – ha aggiunto lo specailista – è uno dei record mondiali di longevità, abbiamo trovato un caso simile a Los Angeles ed è possibile che ce ne siano altrove ma è piuttosto eccezionale“.

Secondo l’agenzia di biomedicina, il tempo medio di sopravvivenza di un trapianto di rene è di 13,9 anni. Inoltre, il 68,5% dei pazienti sottoposti a trapianto di rene è ancora vivo dopo 15 anni dall’operazione.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis:

Commenti