Scoperto legame tra il cancro al seno e gli asparagi

Una ricerca ha dimostrato l'associazione tra gli asparagi e il cancro al seno. Ecco i dettagli dello studio.

0

Ci sono nuove prove secondo cui il cibo che mangiamo può alterare la crescita e la diffusione del cancro.

Lo sostengono gli scienziati di Cambridge (Regno Unito).

Una ricerca sugli animali, pubblicata sulla rivista Nature, ha dimostrato che i tumori al seno senza l’asparagina come nutriente hanno avuto difficoltà a svilupparsi.

L’asparagina è un amminoacido – componente elementare delle proteine – che si trova negli asparagi (da cui prende il nome) ma anche nel pollame, frutti di mare e molti altri alimenti.

DIFFUSIONE

Lo studio, condotto presso il Cancer Research UK Cambridge Institute, si è svolto su topi con una forma aggressiva di cancro al seno.

Normalmente i roditori morivano in un paio di settimane durante le quali il tumore si diffondeva in tutto il corpo.

Quando, però, i topi hanno ricevuto una dieta povera di asparagina o hanno assunto farmaci per bloccare l’asparagina, il tumore ha dovuto lottare per diffondersi.

È stato un cambiamento davvero enorme, i tumori sono stati molto difficili da trovare“, ha affermato il prof. Greg Hannon.

Due anni fa, l’Università di Glasgow ha mostrato come l’eliminazione di amminoacidi quali la serina e la glicina abbiano rallentato lo sviluppo del linfoma e dei tumori intestinali.

Il prof. Hannon ha affermato alla BBC: “Stiamo assistendo a prove sempre più crescenti che specifici tumori siano dipendenti da componenti specifici della nostra alimentazione. In futuro, modificando la dieta di un paziente o utilizzando farmaci che cambiano il modo in cui le cellule tumorali possono accedere a questi nutrienti, speriamo di migliorare i risultati della terapia“.

CANCRO

Un tumore iniziale è raramente mortale. È quando il cancro si diffonde in tutto il corpo – metastasi – che può diventare fatale.

Una cellula cancerosa deve, attraversare enormi cambiamenti per diffondersi, imparare a rompere il tumore principale, sopravvivere nel sangue e prosperare in altre parti del corpo.

È questo il processo per cui i ricercatori pensano che l’asparagina sia necessaria.

Tuttavia, gli amanti degli asparagi non devono preoccuparsi: questi risultati devono ancora essere confermati nelle persone e l’asparagina è, comunque, difficile da evitare nell’alimentazione quotidiana.

Il prof. Charles Swanton, capo clinico del Cancer Research UK, ha dichiarato: “È interessante notare che la l’asparaginasi del farmaco viene utilizzata per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta, che dipende dall’asparagina. È possibile che in futuro questo farmaco possa essere riproposto per aiutare a curare le pazienti con il cancro al seno“.

Ulteriori prove, comunque, sono ancora necessarie.

La raccomandazione è sempre la stessa: seguire un’alimentazione sana e variegata.

Commenti