Scoperto il vero motivo per cui ingrassiamo

Gli scienziati dell'Università di Aberdeen (Scozia) e dell'Accademia cinese delle scienze hanno intrapreso il più grande studio del suo genere esaminando quali componenti dell'alimentazione aumentino il peso sui topi.

0
hamburger

Gli scienziati dell’Università di Aberdeen (Scozia) e dell’Accademia cinese delle scienze hanno intrapreso il più grande studio del suo genere esaminando quali componenti dell’alimentazione – grassi, carboidrati e proteine – aumentino il peso sui topi.

Infatti, dal momento che il cibo è costituito da grassi, proteine ​​e carboidrati, è stato difficile individuare esattamente quale elemento dell’alimentazione porti all’aumento del peso.

Una parte del problema è che è molto difficile fare studi sugli esseri umani, dove ciò che si mangia è controllato per periodi abbastanza lunghi per capire quali siano i fattori più importanti. Tuttavia, gli studi sugli animali che sono simili a noi possono aiutare nell’obiettivo.

Lo studio è stato pubblicato giovedì 12 luglio sulla rivista Cell Metabolism e si è concentrato su 30 alimentazioni diverse che variano nel contenuto di grassi, carboidrati (zucchero) e proteine.

I topi sono stati nutriti con queste diete per tre mesi, il che equivale a nove anni negli esseri umani. In totale sono state effettuate oltre 100mila misurazioni delle variazioni di peso corporeo e il grasso è stato misurato utilizzando una micro macchina MRI (imaging a risonanza magnetica).

Il professor John Speakman, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “Il risultato di questo enorme studio è stato inequivocabile: l’unica cosa che ha fatto ingrassare i topi è stato il mangiare più grassi nelle loro alimentazioni […] I carboidrati inclusi fino al 30% delle calorie provenienti dallo zucchero non hanno avuto alcun effetto. La combinazione di zucchero e grasso non ha avuto più impatto del solo grasso.Non c’è stata poi alcuna prova che le proteine ​​basse (fino al 5%) stimolassero un maggiore apporto”.

Un chiaro limite di questo studio è che si basa sui topi piuttosto che sugli esseri umani, tuttavia i roditori hanno molte somiglianze con noi nella fisiologia e nel metabolismo e non faremo mai studi dove la dieta degli umani è controllata“, ha aggiunto.

Commenti