Rischio di cancro e malattie cardiache con le sigarette elettroniche

Vaporizzare il tabacco può aumentare il rischio di alcuni tumori e malattie cardiache, secondo un team di scienziati che ha studiato gli effetti del fumo della sigaretta elettronica su topi sani e cellule umane.

0

Vaporizzare il tabacco può aumentare il rischio di alcuni tumori e malattie cardiache, secondo un team di scienziati che ha studiato gli effetti del fumo della sigaretta elettronica su topi sani e cellule umane.

I ricercatori hanno scoperto le prove che la nicotina inalata dalle sigarette elettroniche potrebbe essere convertita in sostanze chimiche che danneggiano il DNA nel cuore, nei polmoni e nella vescica, smorzando altresì i meccanismi di riparazione genetica del corpo.

Moon-shong Tang, professore di medicina ambientale presso la New York University, ha spiegato che i cambiamenti del DNA erano simili a quelli legati al fumo passivo, ma ha aggiunto che sarà necessario più lavoro per capire se lo svapo aumenta realmente i tassi di cancro.

I ricercatori hanno adesso avviato esperimenti a lungo termine per monitorare lo sviluppo di tumori in topi esposti al vapore da sigarette elettroniche, ma Tang non si attende di avere risposte in tempi brevi. “I risultati potrebbero richiedere anni perché il cancro consiste in un processo lento“, ha detto.

Mentre alcuni ricercatori hanno affermato che questo studio è rilevante, altri lo hanno bollato come irrilevante per gli esseri umani. I topi – secondo i critici – sono stati esposti a livelli elevati di fumo di sigaretta elettronica e gli effetti possono essere molto diversi nelle persone che inalano la nicotina dallo svapo.

Questo studio non mostra assolutamente nulla circa i pericoli dello svapo“, ha dichiarato Peter Hajek, direttore dell’unità di ricerca sulla dipendenza da tabacco presso la Queen Mary University di Londra. “Non mostra che il vaporizzare causi il cancro“, ha aggiunto.

Si tratta di uno di una lunga serie di falsi allarmi che potrebbero portare le persone ad allontanarsi dalla sigaretta elettronica per tornare a quella normale“, ha aggiunto.

La migliore stima attuale è che lo svapo determina, nella peggiore delle ipotesi, circa il 5% dei rischi legati al fumo“.

Il fumo di tabacco contiene migliaia di sostanze chimiche e almeno 70 sono note per causare il cancro. Il vapore delle sigarette elettroniche contiene un numero molto minore di sostanze chimiche tossiche.

Tang ha esposto i topi al fumo di sigaretta elettronica per tre ore al giorno, cinque giorni alla settimana per tre mesi. La quantità di nicotina nel vapore era di 10 milligrammi per millilitro, ovvero la stessa quantità inalata dagli esseri umani. Ciò equivaleva a quello che Hajek chiama “dosi estremamente elevate di nicotina“.

Alla fine dei tre mesi, Tang ha scoperto danni al DNA nei cuori, nei polmoni e nelle vesciche dei topi esposti ai vapori che non erano evidenti in un gruppo di controllo di animali che ha respirato aria filtrata. Inoltre, i meccanismi di riparazione naturale del DNA sono stati soppressi anche nei topi esposti al fumo.

Tang ha preso in esame anche le cellule polmonari e vescicali umane e ha scoperto che esporre le cellule alla nicotina e alle sue sostanze degradanti ha fatto sì che le cellule si trasformassero più facilmente in tessuto tumorale. I dettagli dello studio sono stati pubblicati nella rivista Atti della National Academy of Sciences.