Quante volte bisogna andare in bagno ogni giorno per defecare?

Non fatevi prendere dal panico: non è perché non andiamo in bagno da tre giorni che subiremo un'ostruzione intestinale. Ecco cosa è meglio sapere.

0

Le feci sono i residui degli alimenti non assorbiti dal sistema digestivo. Ne produciamo in media 55 chili all’anno.

Ora, a proposito dei movimenti intestinali, si dice che la frequenza corretta sia una volta al giorno. Tuttavia, solo il 40% delle persone si adatta esattamente a questo standard.

Secondo uno studio pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology, il 95,5% delle persone segue la regola ‘3-3’: tra 3 volte al giorno e 3 volte a settimana.

Secondo questo studio, le donne hanno generalmente più problemi di transito intestinale, essendo spesso la consistenza delle feci troppo dura (sotto forma di ‘palline’) o troppo morbida (sotto forma di una ‘pozzanghera semisolida’).

Nel dettaglio, come riportato su Futura-Sciences.com, ci sono vari fattori che influenzano la frequenza e la consistenza delle feci e il più importante è il cibo. Un’alimentazione ricca di fibre promuove il transito intestinale mentre i cibi ricchi di amido tendono a sviluppare la costipazione.

Un’idratazione inadeguata asciuga le feci, rendendo difficile la loro eliminazione. Anche l’età, la qualità della flora intestinale, l’attività fisica, i farmaci e gli integratori alimentari (come il ferro) influenzano la frequenza con cui si va in bagno.

LEGGI ANCHE: Televisori e decoder: arriva il bonus TV.

Infine, alcune persone hanno naturalmente un intestino più lungo, il che significa che le feci hanno maggiori probabilità di asciugarsi prima di essere espulse.

Tuttavia, purché non causi alcun gene o sforzo, non è necessario preoccuparsi“, rassicura il gastroenterologo Jakob Begun dell’Università del Queensland in Australia.

D’altra parte, la costipazione cronica con le feci dure può causare disturbi allo stomaco, emorroidi o ragadi anali, nonché un affaticamento generale perché le tossine che dovrebbero essere normalmente eliminate si accumulano nell’intestino.

Inoltre, defecare in maniera irregolare deve preoccupare non appena è accompagnata da altri sintomi. Una vera ostruzione intestinale provoca anche gonfiore addominale o nausea.

La diarrea con feci molto liquide è di solito un segno di infezione. Le feci contenenti sangue possono segnalare il cancro al colon, mentre le feci ‘grasse’ indicano che i nutrienti non sono ben assorbiti dal corpo.

LEGGI ANCHE: Addio al bollo auto ma è in arrivo una nuova tassa dall’Unione Europea.