Ptosi: cos’è, tipi, sintomi e trattamento

La ptosi è una condizione in cui una o entrambe le palpebre superiori sono abbassate rispetto alla norma. Ecco cosa è meglio sapere.

0
ptosi

La ptosi è una condizione comune che si verifica negli adulti e nei bambini. È la caduta della palpebra superiore e di altre parti del viso e implica anche la formazione di borse sotto gli occhi. La ptosi può essere congenita o si può sviluppare più tardi nella vita a causa di lesioni o dell’età. Questa malattia può avere gravi conseguenze. Quindi, dopo aver notato i primi sintomi, è consigliabile cominciare il trattamento il più presto possibile.

Tipi di ptosi

Esistono diversi tipi principali di ptosi. Ognuno ha caratteristiche specifiche e richiede un trattamento specifico.

Ptosi congenita

Il tipo congenito si verifica alla nascita ed è solitamente causato da uno sviluppo anormale dei muscoli oculari. Può causare affaticamento, mal di testa e problemi alla vista. Un oftalmologo sarà in grado di determinare velocemente a gravità e il trattamento necessario.

Ptosi acquisita

La ptosi acquisita può essere causata da una serie di ragioni: età, danni meccanici ai nervi o ai muscoli del viso e altre malattie. Questo tipo si sviluppa lentamente e solo nel tempo una persona comincia ad avere difficoltà ad aprire gli occhi o altri problemi. Inoltre, la ptosi può essere un sintomo di un aneurisma cerebrale, quindi è meglio consultare uno specialista il più presto possibile.

Altri tipi di ptosi

  • Miogenica: causata dall’indebolimento dei muscoli responsabili del sollevamento della palpebra;
  • Neurogena: causata dalla rottura delle connessioni neurali.
  • Traumatica: causata da un qualsiasi danno o da una lesione alla pelle o alle terminazioni nervose;
  • Meccanica: può apparire a causa di un peso eccessivo della pelle della palpebra superiore;
  • Età: un problema abbastanza comune a causa dell’invecchiamento della pelle.

Sintomi di ptosi della palpebra e del viso

La ptosi può anche influenzare il viso. La ptosi facciale, inoltre, può avere una serie di altre cause, una delle quali è un ictus (generalmente, da un lato).

Le manifestazioni della ptosi facciale e palpebrale sono diverse ma hanno un sintomo comune: gonfiore e abbassamento. In una fase iniziale, è quasi impercettibile, ma nel tempo, altri sintomi iniziano ad apparire.

Manifestazioni di ptosi:

  • appare una piega naso-labiale;
  • aspetto stanco del viso;
  • gonfiore;
  • doppio mento;
  • occhi estremamente secchi o acquosi;
  • problemi con gli occhi.

Trattamento

Il trattamento della ptosi è puramente individuale e dipende dal tipo e dalla causa della malattia. Pertanto, se si notano i primi sintomi, è necessario consultare un medico al più presto possibile, perché trattare la condizione nelle prime fasi è fondamentale.

La ptosi delle palpebre viene trattata con l’aiuto di procedure speciali. L’intervento chirurgico, la fisioterapia o il massaggio linfatico sono spesso praticati.

La ptosi facciale viene anche trattata con il lifting facciale e la correzione del contorno; tuttavia, alcune donne preferiscono usare dei cosmetici speciali a base di olio di argan, semi di albicocca e alghe concentrate. Anche gli esercizi facciali e i massaggi sono utili. Ma se ci sono i sintomi più gravi, bisogna consultare uno specialista.

Commenti