Perché le croste prudono? Cosa fare?

Le ferite che prudono sono un classico sintomo del processo di guarigione delle ferite, tuttavia questa sensazione pruriginosa infastidisce ci fa venire voglia di grattarle per alleviare il malessere. Cosa fare? Vediamolo in questo articolo.

Croste che prudono, perché e cosa fare

Hai dei nervi sensibili sotto la pelle. Reagiscono ogni volta che c’è un’irritazione sulla pelle. Potrebbe essere qualcosa di semplice (come un insetto che ti striscia sulla pelle) o più complesso (come un taglio che sta guarendo).

Durante il processo di guarigione della ferita, questi nervi segnalano al midollo spinale che la pelle viene stimolata. Il cervello percepisce quei segnali come prurito.

Questi nervi sono anche sensibili alle sostanze chimiche, come l’istamina, che il corpo rilascia in risposta a una lesione. L’istamina supporta la ricrescita delle cellule della pelle ed è fondamentale per il processo di guarigione del corpo. Ma può causare una reazione, incluso il prurito, simile a un’allergia.

La nuova crescita della pelle può anche causare prurito. Quando le cellule di collagene si espandono e la nuova pelle inizia a crescere sulla ferita, si forma una crosta. Quando una crosta è secca stimola una sensazione di prurito.

Questi messaggi di prurito dal tuo cervello sono quelli che dovresti ignorare. Graffiare un’area ferita o pizzicare una crosta può strappare nuove cellule della pelle che il tuo corpo sta producendo per guarire la ferita. Puoi rallentare il processo di guarigione.

Come prendersi cura di una ferita pruriginosa

Quando la pelle è stata tagliata, il primo passo nella cura della ferita è lavare la ferita con acqua tiepida e sapone neutro. Oltre alla pulizia, questo potrebbe alleviare parte del prurito e dell’irritazione. Sii delicato in modo da non danneggiare la nuova crescita della pelle.

Alcune altre azioni da considerare per aiutare con il prurito includono:

  • Mantieni l’area ferita idratata.
  • Proteggi l’area con una copertura sterile che la proteggerà e ti aiuterà a evitare di graffiare e toccare l’area di guarigione.
  • Applicare un impacco freddo, per non più di 20 minuti, per ridurre l’infiammazione e il prurito.
  • Indossare indumenti larghi per limitare l’irritazione alla zona ferita.
  • Indossare indumenti traspiranti per ridurre l’accumulo di sudore nell’area di guarigione.
  • Parla con il tuo medico degli aspetti positivi e negativi dell’applicazione di un farmaco anti-prurito da banco contenente cortisone.

LEGGI ANCHE: Cosa conoscere sul prurito anale?