Perché alcune persone riescono a dormire solo 4 ore a notte?

Secondo gli studiosi, alla base c'è una mutazione genetica.

Dormire almeno 7 ore a notte è fondamentale per la salute. Le conseguenze della mancanza di sonno sono infatti molto serie e comprendono, giusto per fare alcuni esempi, ripercussioni sui disturbi dell’umore e rischio cardiovascolare. Nonostante questo, esistono diverse persone che riescono a dormire dalle 4 alle 6 ore a notte. Come ci riescono? Scopriamolo assieme nelle prossime righe.

LEGGI ANCHE: Perché la curcuma fa bene alla salute?

Il ruolo delle mutazioni genetiche

La situazione clinica dei soggetti appena citati è al centro dell’attenzione scientifica di diversi esperti. Tra questi, è possibile citare il Dottor Yin-Hu Fu, accademico presso l’Università della California che, con il suo team, ha stabilito che le persone che riescono a dormire poche ore a notte presentano due mutazioni genetiche, in corrispondenza dei recettori ADRB1 e DEC2.

Il lavoro di questi ricercatori è stato riassunto in uno studio i cui dettagli sono stati pubblicati sulle pagine della rivista Science Translational Medicine. Gli esperti hanno proceduto al sequenziamento del DNA di due uccelli notturni, scoprendo un’informazione in più oltre a quelle sopra ricordate. Di cosa stiamo parlando di preciso? Della condivisione della mutazione sul recettore NPSR1.

Nei casi in cui il gene non è mutato, ricopre un ruolo chiave nella regolazione del ritmo sonno-veglia, ma anche nei processi legati all’ansia, all’apprendimento, alla memoria e all’immunità. no firma

Per verificare questa teoria, gli esperti dell’Università della California hanno modificato il DNA di alcuni topi, scoprendo come conseguenza una tendenza a dormire meno. Questa scoperta è un piccolo tassello di un processo molto complesso. Nel frattempo, la scienza continua il suo percorso per capire qualcosa di più sulle peculiarità cliniche delle persone che dormono poco e per trovare soluzioni per aiutarle a preservare la qualità di vita.

LEGGI ANCHE: I rumori del corpo che mandano messaggi sullo stato di salute