Osteoporosi: sintomi, cause, complicazioni e diagnosi

L'osteoporosi è una patologia dello scheletro che comporta una riduzione della massa ossea e alterazioni della struttura dell'osso.

0

 

L’osteoporosi è una malattia che determina l’indebolimento delle ossa a tal punto da potersi fratturare in caso di caduta o lieve sollecitazione (come un colpo di tosse).

Le fratture legate all’osteoporosi si verificano spesso nell’anca, nel polso e nella colonna vertebrale.

Premesso che l’osso è un tessuto vivente, costantemente suddiviso e sostituto, l’osteoporosi si verifica quando la creazione di un nuovo osso non tiene conto della rimozione di quello vecchio.

L’osteoporosi colpisce gli uomini e le donne di tutte le etnie. Ma le donne bianche e asiatiche – soprattutto quelle in menopausa – sono soggetti più a rischio.

Farmaci e dieta sana possono contribuire a prevenire la rottura delle ossa e a rafforzare quelle già deboli.

SINTOMI

In genere, non ci sono sintomi nella prima fase della malattia. Ma, una volta che le ossa vengono indebolite dall’osteoporosi, si potrebbero avere queste segni:

  • Dolore alla schiena, causato da una vertebra fratturata o collassata;
  • Perdita di altezza nel corso del tempo;
  • Postura curva;
  • Frattura ossea che si verifica facilmente.

CAUSE

Le ossa sono in costante stato di rinnovamento: quando un osso nuovo si crea, quello più vecchio si spezza.

Quando si è giovani, il corpo genera un osso nuovo più velocemente della rottura di uno più vecchio e ciò determina l’aumento della massa ossea.

La maggior parte delle persone raggiunge il picco della massa corporea nei primi 20 anni di vita.

Invece, quando s’invecchia, si assiste al processo inverso: la massa ossea si riduce più velocemente.

La probabilità che si sviluppa l’osteoporosi dipende da quanta massa ossea si raggiunge nella giovinezza.

Maggiore è il picco di massa ossea e meno probabilità ci sono di sviluppare l’osteoporosi in età avanzata.

COMPLICAZIONI

L’osteoporosi può causare la rottura e il collasso delle vertebre.

Le fratture ossee, in particolare nella colonna vertebrale e nell’anca, rappresentano la complicazione più grave dell’osteoporosi.

Le fratture dell’anca sono spesso causate da una caduta e possono determinare la disabilità e un incremento del rischio di morte entro il primo anno dopo l’infortunio.

In alcuni casi, le fratture spinali si possono verificare anche senza la caduta. Le ossa che costituiscono la colonna vertebrale – vertebre – si possono indebolire fino al punto di rompersi, provocando dolore alla schiena e perdita dell’altezza.

DIAGNOSI

La densità ossea può essere misurata da una macchina che fa uso di bassi livelli di raggi X per determinare la percentuale di minerale nelle ossa.

Durante questo test indolore, uno scanner passa attraverso il corpo.

Nella maggioranza dei casi, solo alcune ossa vengono controllate: anca, polso e colonna vertebrale.

TRATTAMENTO

Il trattamento per l’osteoporosi si basa sulla prevenzione delle fratture e sull’uso di farmaci per rafforzare le ossa.

La scelta di un trattamento dipende dal rischio di frattura e ciò si basa su una serie di fattori, quali età, sesso e il risultato della scansione.

Commenti