Naso sempre chiuso, cause, sintomi, gli esami da fare

Il naso chiuso sta persistendo e non capisci le cause. Ci sono delle condizioni tipiche per cui ti senti ancora così e degli esami a cui sottoporti.

A dispetto di quello che si possa pensare, spesso non si tratta di un accumulo di muco. Il naso sempre chiuso solitamente è lo specchio di una situazione infiammatoria delle vie aeree superiori: una congestione nasale data dal rigonfiamento dei vasi sanguigni e della mucosa nasale.

Naso chiuso: quando la sensazione è costante

Avete letto bene, quella del naso chiuso è una ‘sensazione’ data dalla produzione delle secrezioni nasali. Il flusso d’aria che entra dalle narici potrebbe essere ridotto o bloccato causando un peggioramento della sintomatologia che andrà ad inficiare anche sul benessere generale: senso di stordimento durante il giorno e difficoltà a dormire e a respirare.

Tra le possibili cause rientrano:

  • rinite allergica: una reazione allergica alle particelle trasportate dall’aria prodotte da acari della polvere, pollini, animali o altri allergeni. Se ti accorgi di avere il naso più chiuso in alcuni ambienti o in particolari stagioni, la tua potrebbe essere rinite allergica.
  • Influenza: i sintomi tipici della congestione nasale (che andremo ad elencare) sono causati dal virus dell’influenza.
  • Raffreddore: infezione delle vie respiratorie che provoca congestione nasale ma anche un’altra serie di sintomi quali lacrimazione, mal di testa e mal di gola.
  • Setto deviato: in alcune persone il setto nasale può essere più a destra o più a sinistra, una narice risulterà più chiusa dell’altra.
  • Il fumo: tutte le volte che si aspira la sigaretta, il fumo va ad irritare il rivestimento nasale quindi di conseguenza potreste sentire il naso sempre chiuso.
  • Polipi nasali: piccole proliferazioni cellulari di origine benigna che colpiscono la mucosa causando ostruzione e congestione nasale.

I sintomi correlati alla congestione nasale e gli esami da fare

Il naso chiuso è di per sé un sintomo a cui solitamente si associano anche:

  • sensazione di ostruzione del naso.
  • Difficoltà a respirare.
  • Dolore al viso, starnuti o secrezioni nasali eccessive.

Bisogna rivolgersi ad uno specialista in caso di secrezione nasale con muco verde o giallo e se la congestione nasale persiste da più di due settimane.

Per una corretta diagnosi si potrebbe ricorrere alla rinoscopia anteriore con luce frontale che può evidenziare la presenza di:

  • un’importante deviazione della cartilagine settale.
  • La presenza di poliposi ostruente.
  • Turbinati inferiori ipertrofici.
  • Presenza di tessuto patologico.

Tuttavia, potrebbe essere necessario un approccio endoscopico che permette di studiare ed osservare le cavità nasali in maniera dettagliata.