Modella muore di cancro alle ovaie all’età di 30 anni, le sue ultime parole

La modella 'curvy' Elly Mayday è morta all'età di 30 anni dopo una lunga lotta contro il cancro alle ovaie. Ecco la sua storia.

0
elly

Elly Mayday, modella, è morta all’età di 30 anni dopo una lunga lotta contro il cancro ovarico.

La ragazza si è spenta l’1 marzo scorso e la notizia è stata annunciata dai suoi familiari su Instagram: “Ashley era una ragazza di campagna che aveva una passione per la vita innegabile. Sognava di avere un impatto sulla vita delle persone. Ha raggiunto questo obiettivo attraverso la creazione di Elly Mayday che le ha permesso di entrare in contatto con tutti voi. Il vostro amore occupava un posto speciale nel suo cuore “.

Il vero nome della ragazza, infatti, era Ashley Luther ed era originaria del Canada. Scelse di cambiare nome quando cominciò ad essere una modella ‘curvy’.

A soli 25 anni, però, la ragazza cominciò a sentirsi male, percependo un dolore costante nella zona lombare. Nei primi quattro ‘viaggi’ al Pronto Soccorso i medici la dimisero con la prescrizione di antidolorifici e la raccomandazione di perdere peso.

Tuttavia, una scansione TC (tomografia computerizzata) accerto la presenza di una cisti ovarica che poi si rivelò essere un cancro ovarico allo stadio 3 che, in genera, si sviluppa solo nelle donne in post – menopausa.

Dopo vari interventi chirurgici e mesi di chemioterapia, il tumore sembrava che la stava per lasciare e, invece, nel 2017, è tornato e così la modella canadese ha trascorso gran parte degli ultimi otto mesi della sua vita in ospedale.

Il cancro ovarico allo stadio avanzato, infatti, è difficile da trattare il 40-50% delle pazienti con carcinoma ovarico, sottoposto a chemioterapia e con remissione, ha una recidiva entro tre anni, stando alle stime del Cancer Center University of New Mexico.

Nel suo penultimo post prima della sua morte, Elly Mayday ha scritto su Instagram che “è sempre stata alla ricerca dell’opportunità di aiutare le persone” e ciò è stata la sua battaglia contro il cancro.

Aiutare è il modo in cui giustifico che il mio tempo qui sia ben speso – ha scritto la modella – Sono stata fortunata a essere stata in grado di combinarlo con la carriera divertente di modella. Apprezzo tutti quelli che mi hanno fatto sapere che ho fatto la differenza con i miei consigli, le mie condivisioni, le mie foto e il mio approccio generale a una situazione molto difficile“.

Commenti