Le sigarette elettroniche possono causare il cancro. Lo dice un nuovo studio

C'entra il DNA.

0

Un team di ricercatori dell’Università del Minnesota (USA) ha scoperto che le sigarette elettroniche introducono tre sostanze chimiche nella bocca note per danneggiare il DNA.

I dati dello studio, presentati il ​​20 agosto al 256° National Meeting & Exposition dell’American Chemical Society, sono stati tratti dall’analisi di cellule di saliva e di tessuto orale di 10 utenti di sigarette elettroniche di di 10 che non ne fanno uso.

“È chiaro che più sostanze cancerogene derivano dalla combustione del tabacco nelle sigarette normali che dal vapore delle sigarette elettroniche“, ha affermato in una nota il capo della ricerca Silvia Balbo. “Tuttavia, non conosciamo l’impatto dell’inalazione della combinazione di composti prodotti da questo dispositivo: solo perché le minacce sono diverse non significa che le sigarette elettroniche siano completamente sicure“.

Tutte le e-sigarette si basano sullo stesso design di base: quando un utente preme un pulsante o respira attraverso la punta, una piccola quantità di liquido carico di nicotina (o di altra sostanza) presente in un contenitore ricaricabile o in una cartuccia sostituibile viene aspirato in una camera interna e nebulizzato. L’aria tirata nella camera si mescola con le molecole condensate e ciò che ne deriva viene aspirato dai  polmoni dell’utente.

Sebbene questo processo eviti molti dei sottoprodotti tossici del fumo, i liquidi per la sigaretta elettronica contengono una miriade di solventi, conservanti e agenti aromatizzanti che hanno profili di sicurezza dubbi se alterati dal calore elevato e consumati in questo modo. Numerosi studi hanno dimostrato che il vapore della sigaretta elettronica trasporta dozzine di sostanze irritanti e agenti cancerogeni possibili o confermati.

Entrando nel dettaglio della ricerca, i ricercatori hanno esaminato le sostanze chimiche presenti nella bocca di cinque utenti abituali dopo una sessione di 15 minuti di sigaretta elettronica. Cinque non utenti sani sono serviti per il controllo incrociato. Anche se i livelli di alcuni prodotti chimici variavano nel gruppo, tutti e cinque hanno mostrato elevate quantità di acroleina, metilgliossale e formaldeide.

Queste tre sostanze chimiche possono formare legami covalenti con il DNA, creando ciò che viene chiamato un addotto al DNA. Se l’addotto al DNA non può essere riparato da enzimi specializzati, la normale replicazione del DNA e la traduzione del gene saranno interrotte e si potrebbe così sviluppare una mutazione cancerosa.

L’analisi successiva delle cellule prelevate dalla bocca di altri cinque utilizzatori ha rivelato che in quattro dei cinque era stato osservato l’aumento dei livelli di adduzione al DNA di acroleina rispetto ai controlli.

Il team spera che gli studi di follow-up possano confermare questi risultati in un gruppo più ampio di persone.

Confrontando le sigarette elettroniche e le sigarette di tabacco è davvero come paragonare le mele all’arance: le esposizioni sono completamente diverse“, ha detto la dott.ssa Balbo.

Ancora non sappiamo quali effetti le sigarette elettroniche possano avere sulla salute ma i nostri risultati suggeriscono che è necessario uno sguardo più attento“, ha aggiunto.