Le alternative vegetali al latte di origine animale

Il mercato a base vegetale offre una serie di prodotti alternativi al latte di origine animale, ognuno dei quali accompagnati da un set di benefici per la salute.

0
latte di mandorla

Se state pensando di smettere di bere latte di origine animale perché intolleranti o semplicemente interessati ad abbracciare una dieta vegana, il mercato a base vegetale offre una serie di prodotti alternativi a quelli lattiero-caseari (ognuno dei quali accompagnati da un set di benefici per la salute).

Tuttavia è bene ricordare che il latte è una fonte di calcio ma è anche ricco di proteine, vitamina D, fosforo e potassio.

Nonostante ciò, la crescente popolarità del latte non caseario, dal latte di soia a quello di cocco, dimostra che la cultura della vita ‘senza latte animale’ si sta diffondendo.

Ecco quali sono le alternative al latte di origine animale

LATTE DI MANDORLE

Dopo aver visto una crescita dell’80% delle vendite nel 2013 (nel Regno Unito), è possibile affermare che il latte di mandorle è una delle stelle nascenti del mercato del latte a base vegetale e alcuni latte di mandorle vengono arricchiti con vitamine e minerali, quali la vitamina D e il calcio.

Una delle alternative al latte più popolari”, ha affermato Frida Harju-Westman, nutrizionista. “Questa bevanda ipocalorica è una fonte di acidi grassi omega ed è ricca di vitamine. Il latte di mandorle può essere preparato a casa. Tuttavia, è facile trovare la bevanda in qualsiasi supermercato.

LATTE D’AVENA

Prodotto con avena e arricchito con vitamine e calcio, il latte di avena è povero di grassi saturi ed è naturalmente dolce e cremoso.

Il latte d’avena è particolarmente gradevole con i cereali e il porridge“, afferma la nutrizionista Cassandra Barns. Contiene significativamente meno proteine ​​rispetto ai latticini o alla soia (circa 1 g per 100 ml contro 3 g per 100 ml). Tuttavia, contiene più fibre rispetto ad altri alimenti (incluso un tipo di fibra chiamata beta glucani, che sarebbe in grado di mantenere sotto controllo i livelli di colesterolo).

LATTE DI SEMI DI LINO

Fornendo anche una combinazione perfetta per il porridge, il latte di semi di lino potrebbe essere un’ottima aggiunta a una cucina vegana. “I semi di lino sono una delle migliori fonti vegetali di acidi grassi omega-3, quest’ultimi sono importanti per la salute del cuore, del cervello, degli occhi e della pelle“, ha aggiunto Barns.

LATTE DI COCCO

Utilizzato principalmente per aggiungere sapore durante la cottura (si pensi a curry esotici o gustose patatine fritte), il latte di cocco può anche essere diluito per essere bevuto.

Le bevande al latte di cocco hanno un sapore molto piacevole e non hanno un forte sapore o odore di cocco, consiglia Barns. “Il latte di cocco bevibile ha quantità relativamente basse di proteine, ma non contiene molti trigliceridi (è una buona fonte di energia e supporto per il sistema immunitario)“.

LATTE DI RISO

“Il latte di riso è una buona scelta se si è allergici alla soia“, consiglia la nutrizionista Marilyn Glenville. Ha anche un gusto dolce naturale, è spesso più appetibile del latte di soia o di canapa. Poiché proviene da un grano ha un alto contenuto di carboidrati, è bene assicurarsi di scegliere una versione non zuccherata.

LATTE DI SOIA

Estratto dal fagiolo di soia, i benefici nutrizionali del latte di soia lo rendono un’alternativa popolare ai latticini in Occidente.

La soia è molto più nutriente“, afferma il nutrizionista Ian Marber. È una proteina completa che fornisce fibre, acidi grassi, omega 3 e 6 e una vasta gamma di minerali e vitamine.

Commenti