Ipercoagulazione: cause, sintomi e perché è pericolosa

L'ipercoagulazione è una condizione che non va assolutamente trascurata. Ecco cosa è opportuno sapere.

0
ipercoagulazione

L’ipercoagulazione è un’anomalia della viscosità del sangue che ha molte cause, in relazione a quali anticoagulanti sono necessari. Gli integratori alimentari non aiutano ma possono aumentare l’effetto dei farmaci anticoagulanti, quindi vale la pena utilizzarli con cautela.

Possibili cause di ipercoagulazione

  • Cancro;
  • Lupus;
  • Carenza di proteina C;
  • Carenza di proteine ​​S;
  • Fumo;
  • Lesione dei vasi sanguigni, compresa l’aterosclerosi;
  • Stile di vita sedentario;
  • Sovrappeso;
  • Trombofilia;
  • Cattive abitudini;
  • Eritremia, emangioma o sindrome antifosfolipidica;
  • Intervento chirurgico al cuore, con l’installazione di una valvola artificiale;
  • Malattie di natura autoimmune;
  • Gravidanza o contraccettivi orali.

Possibili sintomi

  • Vertigini e / o mal di testa;
  • Prurito alla pelle;
  • Mancanza di energia;
  • Problemi respiratori;
  • Vista offuscata;
  • Pressione sanguigna alta.

Perché l’ipercoagulazione è pericolosa?

Il sangue spesso aumenta il rischio di coaguli del sangue nelle vene o nelle arterie. Ciò influisce negativamente sul flusso sanguigno. Il sangue spesso può anche causare l’embolia polmonare. È caratterizzato dal fatto che i coaguli di sangue si sovrappongono a una o più arterie polmonari e che i polmoni non ricevono più abbastanza ossigeno.

Come diluire il sangue?

In nessun caso bisogna puntare all’automedicazione. È necessario consultare il proprio medico e ottenere una diagnosi accurata. In caso di ipercoagulazione, infatti, non soltanto le medicine ma anche alcuni prodotti possono aiutare a fluidificare il sangue:

  • curcuma (effetto positivo sulle piastrine, prevenendo i coaguli di sangue);
  • zenzero (lo stesso effetto);
  • cannella (aiuta a ridurre la pressione sanguigna ma non va consumata in eccesso perché può influenzare gravemente il fegato);
  • pepe di Caienna (migliora la circolazione sanguigna);
  • cibi ricchi di vitamina E.

Inoltre, può essere utile consumare quanto segue: lattuga, pomodori, broccoli, uva, melograno, pompelmo, noci, mandorle, nocciole, tè verde, succo di mirtillo, cioccolato fondente, aglio, acqua.