I metodi più efficaci per smettere di fumare

Grazie a terapia mirata, farmaci e coaching, smettere di fumare è un obiettivo raggiungibile.

Dire addio alle sigarette è un obiettivo per molte persone. Come riuscirci? Quali sono i metodi più facili ed efficaci per smettere di fumare? Nelle prossime righe, abbiamo preso in considerazione alcune delle risposte della scienza in merito. firma

Smettere di fumare: le strategie di maggior successo

Quando si parla di strategie per smettere di fumare, è bene ricordare che non esiste la formula preconfezionata. Gli approcci, infatti, sono tanti quanti le persone. Nonostante questo, si possono comunque identificare alcune linee guida. Tra queste, come ricordato dal Dottor Christophe Cutarella, psichiatra di Marsiglia esperto in dipendenze, rientra la combinazione tra terapia di gruppo, terapia individuale e approccio farmacologico.

Cutarella è una vera e propria autorità in questo campo. Per rendersene conto basta pensare che, nel 2016, ha contribuito alla realizzazione di un bot di Facebook avente lo scopo di aiutare gli utenti a uscire da diverse dipendenze, tra le quali quella relativa alle bionde.

L’esperto fa anche presente che non bisogna preoccuparsi se, dopo un po’ di tempo, si ritorna a fumare ogni tanto “per divertimento”. Nel corso di un’intervista al sito Maxi Sciences, ha infatti sottolineato che, dopo essere stati dipendenti, si è comunque più sensibili e si hanno maggiori probabilità di ricadere, anche se per poco, nelle spire di ciò a cui si era eccessivamente attaccati.

LEGGI ANCHE: Barbabietola: i benefici per la salute

Smettere di fumare: le difficoltà principali da affrontare

Quando si punta a smettere di fumare, è opportuno essere consapevoli delle principali difficoltà che si andranno ad affrontare. Tra queste, rientra il fatto di superare la paura di cambiare le abitudini. Inoltre, come evidenziato sempre dal Dottor Cutarella, c’è un’ampia parte di ritualità che i fumatori implementano nel corso degli anni della dipendenza.

Per quanto riguarda i metodi utilizzati per raggiungere l’obiettivo, a detta del Dottor Cutarella è possibile comprendere anche lo svapo, nove volte meno tossico rispetto alle sigarette tradizionali. L’esperto, a chi obietta che in questo modo si sostituisce una dipendenza con un’altra, da presente che si tratta sì di una dipendenza, ma che si manifesta in maniera diversa.

Addio alle sigarette e cibo: ecco cosa sapere

Smettere di fumare può rappresentare un percorso rischioso per quanto riguarda la forma fisica. Per questo è opportuno farsi seguire da specialisti, in modo da evitare, per esempio, di eccedere con l’assunzione di zuccheri per compensare la mancanza di tabacco. In alcuni casi, ci si può orientare verso ausili di online coaching, come per esempio il bot sopra ricordato.

LEGGI ANCHE: Sigarette al mentolo: perché sono pericolose?