I 7 sintomi del consumo eccessivo di sale

Il sale è usato per insaporire gli alimenti, tuttavia il suo consumo eccessivo è altamente dannoso perché si rischia lo sviluppo di alcune malattie.

0
sale

Il sale è usato per insaporire gli alimenti, tuttavia il suo consumo eccessivo è altamente dannoso perché è un fattore di rischio significativo nello sviluppo di malattie cardiache e renali.

Ecco perché, per non danneggiare la salute, il sale dovrebbe essere consumato in quantità limitate. Secondo l’OMS, l’assunzione raccomandata di sodio per gli adulti è di circa 2/3 di un cucchiaino (meno di 5 g) di sale al giorno.

Per le persone con problemi del sistema cardiovascolare, l’American Heart Association raccomanda di consumare meno di 1/3 di un cucchiaino (2,3 g) di sale al giorno.

Ecco 7 segni che indicano un consumo eccessivo di sale nella dieta:

SETE COSTANTE

Uno dei sintomi più evidenti del “sovradosaggio” di sale è una sete costante. Questo avviene perché il cervello invia il segnale che l’organismo soffre di una carenza di liquidi dovuta all’eccessiva presenza di sale.

GONFIORE GENERALIZZATO

Con l’eccessiva assunzione di sale, l’acqua inizia a essere trattenuta nelle cellule, il che fa gonfiare l’intero corpo.

MAL DI TESTA

In caso di eccesso di sodio nel corpo, i vasi sanguigni del cervello iniziano a espandersi, provocando il mal di testa.

NESSUN CAMBIAMENTO DI PESO 

Nel caso di stia seguendo una dieta per perdere peso e non si noti nessuna variazione per un lungo periodo, è possibile che si stia consumando troppo sale.

AUMENTO DELLA PRESSIONE SANGUIGNA

Un livello alto di sodio nel corpo comporta ritenzione idrica. Quest’ultima, a sua volta, fa aumentare il volume di sangue, che dilata le pareti dei vasi sanguigni. Questa condizione genera ipertensione.

AUMENTO DELLE URINE

Alte concentrazioni di sale da cucina nell’organismo irritano i reni e interrompono l’assorbimento dell’acqua, generando disidratazione. L’eccesso di sodio sarà eliminato dal corpo insieme all’urina, aumentandone le quantità.

INSUFFICIENZA CARDIACA

Troppo sale nell’organismo affatica il cuore, tale situazione contribuisce allo sviluppo dell’insufficienza cardiaca. Di solito, si manifesta con sintomi quali: mancanza di respiro, tachicardia e gonfiore evidente degli arti inferiori.

Se i suddetti sintomi sono gravi o persistono anche dopo una riduzione dell’assunzione di sale, è bene consultare un medico, in quanto potrebbero essere indicativi di problemi di salute più gravi.

Commenti