Ha rischiato di perdere la vita a causa di un tampone, il calvario di una 33enne

Una donna di 33 anni ha rischiato di morire a causa di una sindrome da shock tossico dovuto a un tampone organico. Ecco la sua storia.

0
Ha rischiato di perdere la vita a causa di un tampone, il calvario di una 33enne

Kristina Makris, 33 anni, stava per rischiare la vita a causa della sindrome da shock tossico due settimane dopo aver usato un tampone.

Nel gennaio scorso la donna si era svegliata con la sensazione di essere stata “colpita da un camion” e, dopo essere stata in una clinica, è stata rimandata a casa con la diagnosi di una ‘banale’ influenza.

Tuttavia, quando il giorno dopo, la madre Diane ha visto la figlia in condizioni disperatate – vomitava ripetutamente la bile – l’ha portata in ospedale.

Ha rischiato di perdere la vita a causa di un tampone, il calvario di una 33enne

Kristina, del Massachusetts (USA), ha raccontato al The Sun che, quando fu visitata dai medici, riusciva a malapena a camminare: “Sentivo il mio corpo che si spegneva… come nel peggiore degli incubi. I medici mi hanno somministrato quattro diversi antibiotici e fluidi per aumentare la pressione sanguigna“.

La donna aveva cominciato a utilizzare i tamponi organici ma ha cominciato a sentirsi male due settimane dopo la fine del ciclo. Qualche giorno prima di ammalarsi, la 33enne ha notato un rigonfiamento all’inguine e ha pensato che si trattase di un infortunio avvenuto in palestra.

Ha rischiato di perdere la vita a causa di un tampone, il calvario di una 33enne

Pensavo che si fosse tirato un muscolo o qualcosa del genere ma il mio corpo stava cercando di dirmi che avevo un’infezione. Stavo provando a sentirmi meglio, seguendo una dieta vegana e allenandomi ma non funzionava nulla“, ha racconato Kristine.

Poco dopo essere stata ricoverata in ospedale, è stata trasferita in terapia intensiva dove le sue condizioni sono peggiorate. Un’eruzione cutanea sulla gamba si stava diffondendo rapidamente e i suoi segni vitali si stavano deteriorando.

Quando mi trovavo in terapia intensiva – ha dichiarato la donna statunitense – avevo perso la cognizione del tempo. Ricordo solo la squadra dei medici che correva verso di me e mi diceva che avevo 45 minuti di tempo per decidere se sottopormi o meno a un intervento chirurgico. Mi hanno dato la scadenza temporale perché era urgente. Se non avessi deciso in fretta, sarebbe stato troppo tardi. Ero così confusa, non sapevo cosa dire, fino a quando non mi è stato detto che avevo bisogno dell’intervento o avrei perso la gamba sinistra“.

Ha rischiato di perdere la vita a causa di un tampone, il calvario di una 33enne

Tre giorni dopo essersi svegliata dall’intervento, a Kristina è stato detto quale era stata la causa del suo calvario: “Mi hanno detto che l’eruzione cutanea sulla mia coscia era scomparsa e che avevo subito uno shock tossico. Sono stata interrogata su tutto ciò che avevo fatto nei giorni precedenti l’improvvisa malattia e ci siamo resi conto che era stato dovuto ai tamponi organici che avevo usato. Dal momento che erano asciutti, quando ne ho tirato fuori uno dopo l’uoso, si è graffiato il muro all’interno della mia vagina, dando così spazio alle infezioni“.

Kristina ha aggiunto che “non mi era passato per la testa che avrei potuto perdere la mia vita a causa di qualcosa di così semplice”.

Dopo due settimane in ospedale, Kristina è stata dimessa e ci sono voluti altri tre mesi prima che lei riprendesse le sue forze.

“Nel frattempo, tutta la bile che ho vomitato mi ha rovinato i denti e lo smalto e non penso che torneranno ad essere più com prima”, ha raccontato la donna. Ma è viva. Ed è quello che conta.

Commenti