Glicemia alta? Quali sono i rimedi per diminuire i livelli nel sangue

Un'alimentazione sbagliata e uno stile di vita sedentario sono delle condizioni che influiscono sui livelli di glucosio nel sangue. Come abbassarlo?

Un regime alimentare non equilibrato e uno stile di vita sedentario sono delle condizioni che influiscono sullo stato di salute, tanto più sui livelli di glucosio nel sangue. La glicemia alta si può abbassare e per farlo non è necessario degli esperti nel campo della salute ma – in questo caso – degli attenti lettori. Seguiteci.

Glicemia alta, come diminuire i livelli nel sangue

Per glicemia alta, o meglio detta iperglicemia, s’intende la condizione in cui si riscontrano valori elevati di glicemia nel sangue a digiuno maggiore di 100 mg/dl.
Alla base di questa evidenza spesso c’è la presenza del diabete che si riscontra con misurazioni in due giornate differenti che indicano la glicemia a digiuno superiore a 126 mg/dl.

I sintomi dell’iperglicemia sono:

  • necessità di bere frequentemente;
  • secchezza della bocca e della gola;
  • visione offuscata;
  • sensazione di stanchezza;
  • necessità di urinare più frequentemente del solito, in particolare di notte;
  • perdita di peso inspiegabile;
  • infezioni ripetute, come infezioni della vescica (cistite) e infezioni cutanee
    mal di testa.

Avevamo fatto una premessa, all’inizio di questo articolo parlavamo di un’alimentazione inadeguata e una scarsa attività fisica. Bene, queste sono due delle cause di iperglicemia ed è proprio su queste che vogliamo concentrarci.

Per abbassare i livelli di glicemia bisogna agire innanzitutto sull’alimentazione, a maggior ragione se si è diabetici:

  • I cibi devono avere un basso indice glicemico (frutta poco zuccherata, legumi interi, cereali integrali arricchiti con fibre solubili).
  • Gli alimenti devono contenere poche calorie (lattuga, radicchio, finocchi, radicchio),
  • L’omega 3 è un grasso protettivo essenziale che si può trovare nelle aringhe, nelle sarde, nello sgombro, nell’olio di soia, nei semi di lino, nei kiwi, nelle uva.
  • Non devono mancare vitamina A (carote, albicocche, pomodori), vitamina C (arance, limoni, mandarini), vitamina E (grano, mais, sesamo).

Potete scegliere di utilizzare l’olio extravergine d’oliva per apportare più gusto ai vostri piatti.

Un ultimo consiglio? Un’attività fisica costante, anche di mezz’ora al giorno, ha un effetto ipoglicemizzante, ovvero, aiuta a ridurre i livelli di glucosio nel sangue.

LEGGI ANCHE: Come si conservano correttamente gli alimenti in frigorifero?