Gastroenterite eosinofila, cos’è, sintomi, diagnosi e trattamento

La gastroenterite eosinofila è una malattia rara gastrointestinale, per conoscere i sintomi, la diagnosi e il trattamento. L'approfondimento.

La gastroenterite eosinofila è una malattia rara gastrointestinale, per conoscere i sintomi, la diagnosi e il trattamento, continua nella lettura di questo articolo.

Cos’è la gastroenterite eosinofila?

La gastroenterite eosinofila è una condizione gastrointestinale caratterizzata da sintomi digestivi cronici, come dolore addominale, nausea, diarrea e altro. La condizione è rara e colpisce circa 10 persone su 100.000.

Il termine eosinofili si riferisce alla presenza di un tipo di globuli bianchi chiamati eosinofili. Gli eosinofili risiedono in molti tessuti del corpo e svolgono un ruolo importante nella risposta del sistema immunitario.

In circostanze normali, gli eosinofili rimangono all’interno dei rispettivi tessuti e vengono rilasciati solo quando viene attivata una risposta immunitaria. Tuttavia, nelle persone con gastroenterite eosinofila, gli eosinofili si infiltrano nel tratto digestivo e causano infiammazione e sintomi gastrointestinali.

A differenza dell’esofagite eosinofila, che colpisce principalmente l’esofago, la gastroenterite eosinofila colpisce una porzione più ampia del tubo digerente. Mentre lo stomaco e l’intestino tenue sono due delle aree più comunemente colpite, questa condizione può interessare qualsiasi porzione del tratto digestivo inferiore.

La gastroenterite eosinofila è sottotipizzata in base alla posizione dell’infiltrazione eosinofila all’interno degli strati della parete intestinale. Può interessare lo strato mucoso, lo strato muscolare o lo strato sieroso.

Quali sono i sintomi della gastroenterite eosinofila?

I sintomi della gastroenterite eosinofila variano a seconda di quale parte del tratto gastrointestinale è interessata e dell’entità dell’infiltrazione eosinofila. Tuttavia, i sintomi comuni di questa condizione possono includere:

  • difficoltà a deglutire
  • indigestione
  • bruciore di stomaco
  • dolore al petto
  • dolore addominale
  • gonfiore
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • perdita di peso
  • malnutrizione
  • anemia

Come viene diagnosticata la gastroenterite eosinofila?

Se il medico sospetta che tu possa avere una gastroenterite eosinofila, eseguirà prima un esame fisico e una revisione approfondita della tua storia medica e dei sintomi. I medici diagnosticano la gastroenterite eosinofila utilizzando quattro criteri:

  1. sono presenti sintomi gastrointestinali
  2. c’è un’infiltrazione eosinofila del tratto gastrointestinale
  3. non ci sono infezioni parassitarie
  4. non c’è altro coinvolgimento sistemico

Il medico eseguirà probabilmente una serie di test di laboratorio per escludere altre condizioni che potrebbero essere presenti. I test di laboratorio possono includere:

  • analisi del sangue, per testare condizioni come la celiachia
  • campione di feci, per testare infezioni batteriche o parassitarie
  • skin prick test, per testare allergie alimentari e ambientali

Il medico vorrà anche utilizzare un emocromo completo, o conta degli eosinofili, per controllare il livello di eosinofili nel sangue. Una normale conta degli eosinofili è di circa 500 eosinofili (eos)/μl. Tuttavia, nelle persone con gastroenterite eosinofila, la conta degli eosinofili può variare da 1000 eos/μL fino a 8000 eos/μL.

Oltre ai test di laboratorio, il medico potrebbe voler eseguire altri test diagnostici per esaminare il tuo tratto digestivo in modo più dettagliato.

Una biopsia è uno degli strumenti diagnostici più importanti per la gastroenterite eosinofila, perché consente al medico di esaminare più da vicino l’intestino per la prova di infiltrazione eosinofila.

Come si cura la gastroenterite eosinofila?

La terapia dietetica è la prima linea di terapia e può svolgere un ruolo importante nel ridurre i sintomi della gastroenterite eosinofila. Se sono presenti allergie alimentari, è importante eliminare questi alimenti dalla dieta poiché possono contribuire ad aumentare l’infiammazione. La terapia dietetica è meglio eseguita sotto la supervisione di un nutrizionista o dietista.

I corticosteroidi sono la classe di farmaci più efficaci per questa condizione, perché agiscono limitando l’attività del sistema immunitario e riducendo l’infiammazione all’interno del tubo digerente. Sono efficaci fino al 90% dei pazienti con gastroenterite eosinofila. I corticosteroidi comunemente prescritti includono fluticasone, prednisolone e budesonide, con il prednisone che è l’opzione di trattamento preferita.

Anche antistaminici e stabilizzatori dei mastociti sono stati proposti come opzioni di trattamento per la gastroenterite eosinofila. Gli antistaminici agiscono bloccando gli effetti infiammatori dell’istamina, mentre gli stabilizzatori dei mastociti agiscono limitando gli effetti di alcune cellule del sistema immunitario.

La chirurgia è usata raramente per trattare la gastroenterite eosinofila, poiché la maggior parte degli altri interventi, come i farmaci e la terapia dietetica, sono abbastanza efficaci da soli.

LEGGI ANCHE: Leucociti alti nelle urine, cosa significa?