“Frequenti dosi di richiamo indeboliscono il sistema immunitario”

L'EMA ha avvertito che frequenti dosi di richiamo di Covid-19 potrebbero influire negativamente sul sistema immunitario.

Foto di AHMAD GHARABLI/AFP.

Le autorità di regolamentazione dell’Unione Europea hanno avvertito che frequenti dosi di richiamo di Covid-19 potrebbero influire negativamente sul sistema immunitario.

Secondo l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), infatti, ripetere le dosi di richiamo ogni quattro mesi potrebbe indebolire il sistema immunitario e stancare le persone.

Invece, i Paesi dovrebbero legare i programmi di richiamo all’inizio della stagione fredda in ciascun emisfero, seguendo il piano stabilito dalle strategie di vaccinazione antinfluenzale.

Questa raccomandazione arriva dopo che alcuni Paesi stanno considerando di offrire la possibilità di una seconda dose di richiamo nel tentativo di ricavare protezione ulteriore contro l’aumento delle infezioni da Omicron.

All’inizio di questo mese, ad esempio, Israele è diventata la prima Nazione a iniziare a somministrare un secondo booster, o quarta dose, agli over 60. Il Regno Unito, infine, ha affermato che i booster stanno fornendo buoni livelli di protezione e al momento non è necessario un secondo booster, ma esaminerà i dati man mano che si evolveranno.

LEGGI ANCHE: La variante Deltacron esiste davvero? Cosa sappiamo?